Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Nuova tv sportiva privata nella Svizzera tedesca: sarà dedicata alle discipline cosiddette minori
Un nuovo canale televisivo privato, destinato alle più diverse discipline sportive, darà inizio alle proprie emissioni a partire dal primo luglio di quest’anno nella Svizzera tedesca. Si chiamerà Schweizer Sportfernsehen (SSF) e si propone, sin d’ora, di allestire un palinsesto pressoché completo già a partire dal prossimo autunno. L'obiettivo di SSF, così come ha indicato in una conferenza stampa dal presidente della TV Peter Weigelt, è quello di diventare un vettore piattaforma, capace di veicolare tutti gli sport nazionali e regionali, ma anche quelli solitamente purtroppo trascurati dalle grosse emittenti pubbliche. Fra le discipline che saranno prese in considerazione figurano ad esempio il beach volleyball, le corse automobilistiche, le partite di calcio della "Challenge League", così come il tiro con la balestra o la palla a pugno. Il nuovo canale, di proprietà privata, ha già sottoscritto contratti con più di 40 associazioni sportive nazionali. Queste ultime parteciperanno ai costi di esercizio, ma riceveranno in cambio la possibilità di dare migliore visibilità alle rispettive discipline. Peter Weigelt ha ammesso inoltre che la congiuntura fosse in questo momento difficile sul fronte delle entrate pubblicitarie, ma SSF spera comunque di poter catturare nuovi clienti e sponsor. I programmi saranno diffusi, per almeno i primi tre anni in analogico sulla rete cablata di Cablecom, e contemporaneamente faranno parte dell'offerta digitale di Cablecom, BluewinTV InternetTV.ch. (Paolo Masneri per NL)
 
26/06/2009 09:26
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
All'inizio del 2020 la RSI servirà il pubblico con un'offerta più ampia e lancerà un'offerta nuova, Web LA 2, che destinata a sostituire RSI LA 2, sarà disponibile su dispositivi mobili, online e sulla Smart TV interattiva (il successore digitale del teletext analogico.
Risolta l'annosa querelle delle interferenze tra il network provider nazionale Retecapri e l'Ufcom, l'Ufficio federale per le comunicazioni della Confederazione elvetica.
La Discovery Communications e la SSR (la concessionaria svizzera pubblica radio-tv) hanno stretto per i giochi olimpici un accordo pluriennale che garantirà ai telespettatori una copertura completa e offrirà loro la possibilità di seguire ogni istante delle olimpiadi invernali di PyeongChang 2018 e delle olimpiadi estive di Tokio 2020 su diverse piattaforme.
Il 18 luglio la Swisscom smantellerà l'antenna di Cima di Dentro ad Isone nel Canton Ticino (inattiva dal 2008 dopo lo spegnimento della trasmittente in onde medie), che per 37 anni aveva irradiato la programmazione italiana della RSI - Radio Monte Ceneri anche in gran parte del Nord Italia.