Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Nuove tecnologie, RAI: tra poco sperimentazione dell'altissima definizione su Yes Italia. In arrivo la tv 3d e il telecomando vocale
Pare che sia come vedere la tv a casa con la qualità del cinema. L'opportunità viene dal nuovo standard 4K elaborato dal centro ricerche RAI di Torino, che sarà sperimentato su Yes Italia, il canale tematico digitale dedicato al turismo e al made in Italy.
''Si tratta del piu' alto grado di definizione al mondo, equivalente a quello di una pellicola 35 millimetri'', ha spiegato al Prix Italia, Guglielmo Rositani, consigliere d'amministrazione RAI. Sulle 81 emittenti di 46 nazioni, tra le piu' evolute tecnologicamente, presenti alla manifestazione, la concessionaria pubblica italiana e' quella che ha presentato le novità piu' importanti, ha gongolato Rositani. Tra le novelle tecnologiche vi sono l'esperimento in 3d, in stato di alto avanzamento e che permetterà tra pochi anni di vedere la tv tridimensionale e un telecomando vocale (studiato soprattutto per i disabili) per la Iptv.
26/09/2009 09:15
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.