Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Oscar Giannino va su Radio 24, ma con Riotta è già polemica
(Velino) - Dal 29 giugno Oscar Giannino, ex direttore di Libero Mercato, prenderà il posto di Giuliano Ferrara, direttore del Foglio, nello spazio informativo dalla 9 alle 10 su Radio 24, l’emittente radiofonica di proprietà del Sole 24 Ore. L’arrivo di Giannino, che stamattina è stato ospite della trasmissione radiofonica ancora condotta da Ferrara, viene visto con interesse da una larga fetta della base confindustriale, oltre che dal vertice della confederazione presieduta da Emma Marcegalia: Giannino, attualmente vicedirettore del quotidiano Libero, ha partecipato all’elaborazione della relazione della Marcegaglia per la recente assemblea dell’associazione degli imprenditori, insieme con il direttore generale di Confindustria, Giampaolo Galli, con il direttore del centro studi dell’associazione, Luca Paolazzi, e col neo direttore del Sole 24 Ore, Gianni Riotta. Eppure tra Giannino e Riotta non c’è un’assoluta convergenza di vedute. Basta scorrere il post di ieri scritto da Giannino sul suo blog per rendersene conto. “Scrive il direttore del Sole che la Merkel su Opel coi russi sa di ruggine e protezionismo, mentre Obama su Gm guida l’industria dell’auto Usa a una avveniristica accelerazione verso nuove tecnologie ecocompatibili. La tesi non mi convince neanche un po’”, si legge nel blog di Giannino, che fa anche riferimento a un editoriale di Massimo Mucchetti sul Corriere dello Sera a proposito sempre di Gm e Opel. Le tesi di Riotta e Mucchetti, chiosa Giannino, “mi confermano che le povere imprese private italiane, ormai, il nemico intellettuale lo hanno ben solidamente al timone nei loro giornaloni di riferimento”.
 
04/06/2009 05:17
 
NOTIZIE CORRELATE
A riguardo dei gravissimi ritardi accumulati nell'erogazione dei contributi alle tv locali degli anni passati e sull'adozione del nuovo regolamento, Confindustria RTV ha fatto pervenire a Newslinet.it la lettera del Presidente dell’Associazione TV Locali Maurizio Giunco e delle OO.SS.LL SLC- CGIL, FISTEL –CISL, UILCOM/UIL al Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, che di seguito integralmente pubblichiamo.
Il Consiglio di Presidenza di Confindustria Radio Televisioni (CRTV) riunito a Roma, ha completato la definizione degli assetti interni per il triennio e messo a punto il programma essenziale di lavoro per l’anno in corso.
Il Ministero dello Sviluppo Economico (DGSCERP) ha comunicato all’Associazione TV Locali di Confindustria RTV che le procedure di erogazione dei contributi (anno 2015) ex L.448/98 alle emittenti televisive locali subiranno ritardi "per cause non dipendenti dalla volontà dell’amministrazione".
"Fine anno, tempo di bilanci e progetti", esordisce il presidente di Confindustria RTV, Franco Siddi, in un lungo editoriale inviatoci, con il quale coglie l’occasione, "da un lato, per fare un punto della situazione del settore radiotelevisivo, partendo da dati e informazioni elaborati nel corso dell’anno e sintetizzati nel documento allegato; dall’altro, per guardare al futuro, alle tante questioni aperte e in divenire, di cui molte prioritarie se non urgenti, su cui lavoreremo in collaborazione con le istituzioni, i regolatori e gli altri “stakeholder” del sistema nazionale e europeo".
Presa di posizione di Confindustria Radio Tv sul (previsto) ennesimo empasse del DAB+, impantanatosi a metà del guado con mezza Italia occupata da mux di rete nazionali e pressoché totale assenza dell'emittenza locale (fatti salvi sporadici bouquet territoriali assolutamente di scarsa rilevanza).