Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
P.A., operazione 'anti-fannulloni': assenze diminuite di oltre un terzo. Apoteosi di Brunetta
A un anno di distanza l'operazione 'anti-fannulloni' ha prodotto una riduzione media annua delle assenze per malattia di circa il 38%, pari, per tutta la pubblica amministrazione, a circa 14 milioni di giornate di lavoro in più. Il dato viene orgogliosamente annunciato dal titolare della Funzione Pubblica e dell'Innovazione, Renato Brunetta, a palazzo Chigi nel corso di una conferenza stampa. "Quattordici milioni di giornate lavorative in più -rimarca- vuol dire che 60 milioni di clienti-cittadini italiani hanno avuto, a parità di costo, 14 milioni di giornate lavorative in piu' di servizi per loro. E si tratta -fa notare- di un dato stabile. Sono davvero soddisfatto di questo risultato -dice Brunetta- cosi' come della reazione della P.A. e dei dipendenti pubblici alle norme introdotte proprio con lo scopo di moralizzare i comportamenti sulle assenze. Certamente -aggiunge- questo non basta. Occorre -spiega- premiare i dipendenti bravi, realizzare piu' trasparenza a tutti i livelli (dagli appalti ai comportamenti, ai pagamenti), qualificare il lavoro pubblico, introdurre Ict". La battaglia per la riduzione delle assenze per malattia, dice Brunetta, è "lunga ma i primi risultati si vedono" e sono significiativi "ai fini dell'obiettivo ambizioso, che oggi confermo, di un aumento della produttività del 50%". Insomma, senza tagliare le assenze per malattia, non si può certo guardare all'aumento della produttività. La ferma volontà del ministro di vincere questa battaglia non è in discussione ma, confessa, "quando sento le notizie di arresti per assenze non gioisco, anzi lo vivo come un fallimento, mi deprimo. La magistratura e la polizia fanno il loro mestiere ma di certo non si cambiano così certi comportamenti ma attraverso regole, leggi e trasparenza". Tornando alle modalità con cui il dicastero sta portando avanti l'operazione anti-fannulloni Brunetta ricorda che la rilevazione sulle assenze è stata realizzata in collaborazione con l'Istat e che già da gennaio è disponibile, per le amministrazioni rispondenti, una procedura online che permette di trasmettere i dati anche via web. A partire da marzo questa procedura è diventata l'unico canale di acquisizione dei dati, con conseguente eliminazione della trasmissione via e-mail finora utilizzata. Sono pervenute, fa sapere il ministro, le risposte di 4.469 amministrazioni e, a seguito di controlli di qualità dei dati, dalle elaborazioni sono state esclusi dall'Istat i dati relativi a 242 amministrazioni. Le stime sono dunque state effettuate sulla base dei dati relativi a 4.427 amministrazioni. Con riferimento al mese di giugno la riduzione delle assenze per malattia, rispetto allo stesso mese del 2008, è stata del 27,4% (stima riferita al complesso delle amministrazioni pubbliche, ad esclusione dei comparti scuola, universita' e pubblica sicurezza). Tale risultato è tanto più significativo, osserva Brunetta, "se si considera che gia' a giugno 2008 il monitoraggio evidenziava una riduzione di oltre il 22% delle assenze per malattia, probabile conseguenza dell''effetto annuncio' di una disciplina più rigida che il governo stava predisponendo e che, proprio in quel mese, si è concretizzata nelle disposizioni contenute nel decreto legge n. 112/2008. Il ministro tiene a sottolineare che "segnali di riduzione delle assenze per malattia provengano anche dal settore privato. Tra il primo quadrimestre del 2009 e lo stesso periodo dell'anno precedente si registra infatti, nel campione delle 42 imprese private intervistate (e che in termini di addetti coprono circa il 15% del totale dei dipendenti privati) una flessione delle assenze per malattia per dipendente di circa il 18%. Il dato - osserva il ministro - risente probabilmente della combinazione di tre fattori determinanti (Effetto crisi, Effetto medici ed Effetto moralizzatore) e merita sicuramente ulteriori approfondimenti". Per quanto riguarda la Pubblica Amministrazione, l'indagine mensile indica una tendenza alla contrazione degli eventi di assenza superiori a 10 giorni, che rispetto a giugno 2008 si riducono del 24,7%. Nella stessa direzione vanno anche i dati sulle assenze per altri motivi che, sempre rispetto allo stesso mese dell'anno precedente, si riducono del 3,4%. Con riferimento alle assenze per malattia, i dati di giugno segnalano come le piu' rilevanti riduzioni siano riferibili agli Enti di previdenza (-43,7%) e alle amministrazioni provinciali (-37,5%). (Adnkronos)
17/07/2009 16:48
 
NOTIZIE CORRELATE
Come reso noto in precedenza, dal 23/12/2016 sono entrate in vigore le nuove norme sull'accesso generalizzato, il cd FOIA ai sensi del quale chiunque ha diritto di accedere ai dati e ai documenti detenuti dalle pubbliche amministrazioni, ulteriori rispetto a quelli già oggetto di pubblicazione obbligatoria senza necessità di fornire una motivazione.
L'Autorità Nazionale Anticorruzione ha pubblicato la Determinazione n. 1310 del 28/12/2016 contenente le Prime linee guida recanti indicazioni sull’attuazione degli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni contenute nel d.lgs. 33/2013 come modificato dal decreto legislativo n. 97/2016.
Il direttore della Gazzetta del Mezzogiorno Giuseppe De Tomaso ha definito “un colpo micidiale, forse mortale al mondo dei giornali” il progetto renziano di far pubblicare solo su internet gli annunci di gare d’appalto e aste giudiziarie da parte di enti pubblici e tribunali.
L'art. 116 c.p.a. Rito in materia di accesso ai documenti amministrativi recita testualmente: "Contro le determinazioni e contro il silenzio sulle istanze di accesso ai documenti amministrativi nonché per la tutela del diritto di accesso civico connessa all'inadempimento degli obblighi di trasparenza, il ricorso è proposto entro trenta giorni dalla conoscenza della determinazione impugnata o dalla formazione del silenzio, mediante notificazione all'amministrazione e ad almeno un contro interessato...".
Il D.P.C.M. del 05/12/2013, n. 158, recante “Regolamento di organizzazione del Ministero dello sviluppo economico” potrebbe contribuire a risolvere alcuni dei gravissimi problemi connessi al cattivo funzionamenti degli Ispettorati Territoriali.