Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Parli male del capo su Facebook? L’azienda ti mette “offline”.
Non è il primo caso e non sarà nemmeno l’ultimo. S. A., 36 anni, dipendente di una azienda leader nella produzione di forni industriali per la lavorazione dell’acciaio, è stata licenziata a seguito di innocue (almeno in apparenza) dichiarazioni apparse sulla sua pagina personale di Facebook. Sono bastate poche parole, pubblicate sul profilo di S.A., per concludere definitivamente una collaborazione durata circa 9 anni. La ragazza, milanese di origine, scherzava con gli amici canzonando la società, con il solo intento di conoscere altri dipendenti che potessero condividere la sua “alienante” situazione lavorativa. Com’è noto, su Facebook è possibile creare gruppi di discussione in modo semplice e intuitivo, partendo da qualunque (anche bizzarra) idea. Ed è questo quanto ha fatto questa singolare lavoratrice, ancora presente tra le pagine del social network, mettendo però a repentaglio uno stipendio e un futuro. La storia ha raggiunto in lungo e in largo tutti i media, dando esempio di una controversa solidarietà, soprattutto in un periodo in cui lo stesso Brunetta sembra volersi schierare contro i fannulloni che di FB sembrano fare una seconda vita (peraltro non molto segreta se consideriamo la fine che ha fatto S.A.). Ma la domanda rimane la stessa: quale lavoratore può passare tanto tempo su FB durante la giornata feriale? (Marco Menoncello per NL)
21/05/2009 16:57
 
NOTIZIE CORRELATE
Le due novità in fatto di navigazione, Whatsapp Web e Telegram Web, famosi servizi di messaggistica istantanea nati come semplici app e adesso usufruibili anche tramite sito web su computer e tablet, sono state recentemente prese di mira dagli hacker della Rete; questo almeno è quanto emerge da uno studio firmato Check Point Software Technologies Ltd., ovvero un'azienda israeliana produttrice di dispositivi di rete e software, specializzata in prodotti relativi alla sicurezza quali firewall e VPN (Virtual Private Network - rete di telecomunicazione privata).
Snap, società a cui fa capo l’applicazione Snapchat, è sopravvissuta al suo primo giorno di quotazione in Borsa (venerdì 3 marzo) chiudendo a 26,7 dollari con una crescita del 9%.
Snapchat sorprende tutti a Wall Street arrivando a registrare la maggior quotazione Nyse nella storia di una società tecnologica, dopo Alibaba nel 2014.
YouTube, la piattaforma di videosharing più famosa al mondo, gongola: “You know what’s cool? A billion hours” titola sul blog ufficiale, dove annuncia che sono oltre un miliardo le ore di video visualizzate ogni giorno dagli utenti del portale sparsi in tutto il globo.
Non è un segreto che Facebook sia di gran lunga il social network più diffuso al mondo, con un’utenza che si aggira intorno ai 2 miliardi e nessun concorrente effettivamente in grado di scalfirne le dimensioni; è proprio per questo motivo che le altre piattaforme hanno finora puntato sul fornire servizi alternativi e Facebook ha puntualmente fatto di tutto per inglobarle, mostrando un atteggiamento che sembra nascondere l’intenzione di restare l’unico sulla piazza.