Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pay Tv. Sky Sport: nuovo organigramma di Raynaud, Corcione alla direzione

La direzione di Sky Sport passa a Massimo Corcione, che coordinerà sia l’aspetto manageriale che la redazione giornalistica. Marani lascia la direzione del Guerin Sportivo e diventa vicedirettore.
In casa Sky si mescolano le carte per lo Sport: il nuovo organigramma di Jacques Raynaud affida a Massimo Corcione, finora managing director, il ruolo di direttore della testata sportiva Sky Sport. La vera grande novità riguarda il fatto che, per la prima volta, tutte le aree sportive avranno un unico vertice con cui doversi confrontare. Faranno capo a Corcione i responsabili dell’area Eventi Altri Sport (Giovanni Bruno); di Sky Sport 24 (Fabio Caressa); di Eventi Calcio (Federico Ferri) e di Motori (Guido Meda). Il portale Sky.it sarà per il momento affidato ad interim allo stesso Corcione. Dalla nuova definizione dei ruoli risulta in modo più chiaro chi effettivamente avrà in mano le redini di tutte le aree, stabilendo in modo inequivocabile la sfera d’influenza di ciascun responsabile. Dal 1° marzo, inoltre, Matteo Marani ricoprirà la poltrona di vice direttore di Sky Sport, dopo aver diretto per 7 anni il settimanale Guerin Sportivo. Tra i compiti del nuovo arrivato, quello di affiancare Caressa nello sviluppo di app Sport e nella transizione di Sky Sport 24 HD verso un desk centrale per il canale lineare; inoltre, assieme allo stesso Corcione, si occuperà del potenziamento dell’offerta Sky Sport rivolta ai media digitali. (G.C. per NL)
12/03/2016 09:19
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
A+E television networks, emittente televisiva via cavo e satellitare statunitense, è un brand sicuramente ancor poco conosciuto in Italia.
Sky Italia diventa il terzo polo della produzione e distribuzione cinematografica nazionale, ma le concorrenti storiche del mercato Rai con Rai Cinema e Mediaset con Medusa film non sembrano preoccuparsi eccessivamente.
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.