Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Per onorare l'opera e la memoria di Enzo Biagi, la famiglia istituisce il Premio giornalistico
La FNSI pubblica il bando del Premio Enzo Biagi, istituito dalla famiglia del grande giornalista scomparso.
1) Per onorare l’opera e la memoria di Enzo Biagi e in particolare, per ricordare la sua straordinaria passione e professionalità nel raccontare e scoprire la “cronaca” nelle vicende e spesso inaspettate articolazioni della società italiana, la famiglia ha istituito il premio giornalistico “Enzo Biagi”.
2) Il premio è destinato a premiare un giovane cronista per articoli pubblicati nel 2008 su un quotidiano italiano di provincia (escludendosi pertanto le pubblicazioni su quotidiani nazionali e regionali e anche sulle eventuali edizioni locali di tali pubblicazioni). La partecipazioni al premio, nei limiti di cui sopra, è consentita a giornalisti professionisti, pubblicisti, collaboratori che non abbiano al gennaio 2009 compiuto i trenta anni di età.
3) L’entità del premio, non divisibile, è fissata in 10.000 euro. La giuria potrà dare speciali menzioni, senza alcun premio in danaro, a cronisti che sono ritenuti particolarmente meritevoli.
4) La giuria è presieduta da Sergio Zavoli ed è composta da: Ferruccio de Bortoli, direttore del ‘Sole 24 ore’, Giangiacomo Schiavi, inviato del ‘Corriere della Sera’, Rosaria Capacchione giornalista del ‘Mattino’, Paolo Occhipinti, direttore editoriale RCS Periodici, Stefano Jesurum, caporedattore di ‘Magazine’, Loris Mazzetti, capostruttura Rai3, Bruno Manfellotto, direttore de ‘Il Tirreno’.
5) La segreteria del premio è presso la signora Pierangela Bozzi, Libreria Rizzoli, Galleria Vittorio Emanuele, 79- 20121 Milano ed è qui che andranno spedite le fotocopie degli articoli pubblicati.
6) I contributi sottoposti alla valutazione della giuria, in numero non superiore a tre per candidato, dovranno essere presentati - con indicazione e prova del giornale locale ove sono stati pubblicati - alla segreteria in duplice copia entro e non oltre il 10 maggio 2009. I contributi dovranno essere corredati da un breve curriculum del candidato contenente generalità e recapiti anche di posta elettronica.
7) L’assegnazione avverrà il 13 giugno 2009 a Pianaccio (Bologna). Contributi economici e logistici sono stati offerti dalla Banca di Credito Cooperativa di Lizzano in Belvedere e dal Comune di Lizzano in Belvedere.
8) La segreteria si riserva ogni ulteriore comunicazione relativa allo svolgimento del premio ed alle eventuali successive edizioni.
31/03/2009 21:29
 
NOTIZIE CORRELATE
Si  è   interrotto   oggi   il   confronto  tra   la Federazione   nazionale  della   stampa  italiana   – chiamata   ad assistere il Cdr di Sky Tg 24 – e Sky Italia al tavolo delle trattativa per il trasferimento di 99 giornalisti del   Tg   da   Roma   a   Milano. 
Lo scorso 17 marzo il consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare il decreto legislativo “che prevede disposizioni per l’incremento dei requisiti e la ridefinizione dei criteri per l’accesso ai trattamenti di pensione di vecchiaia anticipata dei giornalisti e per il riconoscimento degli stati di crisi delle imprese editrici, in attuazione della legge 26 ottobre 2016, n. 198” (Comunicato stampa ufficiale del Consiglio dei Ministri).
La “ricongiunzione” consente – a chi ha versato contributi in gestioni previdenziali diverse – di accentrare tutti i periodi assicurativi presso un unico ente, al fine di ottenere un’unica pensione. Le contribuzioni sono materialmente trasferite da ente ad ente.
Esiste ancora, nell’ambito giornalistico, una disparità di trattamento retributivo legata al genere di appartenenza. Questo, almeno, è il dato evidenziato da un articolo pubblicato sul sito di INPGI notizie intitolato “8 marzo/Le giornaliste continuano ad essere penalizzate”.
Le novità in tema di pensioni per i giornalisti non finiscono con la riforma dell’Inpgi: dal 1 gennaio 2017 è in vigore il cumulo gratuito dei contributi.