Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Piateria musicale: continua operazione Rtv della Guardia di Finanza in tutta Italia. Per ora otto radio e due tv locali con server sequestrati. 70.000 files illegali. 10% radio fuorilegge
Come anticipato per primo da questo periodico, è in piena esecuzione l'operazione antipirateria musicale della Guardia di Finanza presso le emittenti radiotelevisive locali in tutta Italia. Pare che a non essere in regola con la L. 633/1941 e successive novelle sia il 10% delle stazioni. Spesso si tratta di emittenti che avevano regolarmente sottoscritto contratti per il conseguimento delle licenze con SIAE (rappresentanza degli autori) e con SCF (rappresentanza dei discografici, per i cosiddetti diritti connessi ai diritti d'autore), oppure con la sola società degli autori, ma che hanno poi smesso di pagare i corrispettivi, determinando la risoluzione contrattuale e la revoca della licenza. Al momento, a quanto reso noto dalla GdF, sarebbero state sequestrate  dodici postazioni informatiche, 70 mila files musicali, 15 mila cd originali e 15 mila dischi in vinile. Le ispezioni sono state condotte prevalentemente in Lombardia (Milano), Piemonte (Novara), Sicilia (Catania), Puglia (Bari), Lazio (Roma), per un totale di otto radio e due tv. L'operazione è tuttavia solo all'inizio e nei prossimi giorni verranno interessate certamente altre stazioni. Tra i soggetti che sono stati interessati dai sequestri dei server non vi sarebbe nessuna emittente nazionale a confermare che il fenomeno riguarderebbe solo quelle locali.
24/07/2009 08:18
 
NOTIZIE CORRELATE
Mercoledì 8 marzo, si è tenuto presso la sede di Confindustria Radio Televisioni (CRTV), un ulteriore incontro con una delegazione della SCF e i rappresentanti dell’Associazione Radio FRT e di Aeranti-Corallo, avente per oggetto il rinnovo della convenzione per i diritti connessi.
L’Unione Europea, vuole estendere la tutela dei diritti connessi all’editoria digitale per tutelarne la situazione economica: una misura che rischia seriamente di trasformarsi in una clamorosa spallata sia all’accesso d’informazioni per l’utenza che ai piccoli editori.
Oltre all’aspetto primario di utilizzo musicale, ci sono altri aspetti che derivano dallo streaming e dall’utilizzo di tale servizio. Anzitutto la platea che si apre agli autori che si avvalgono anche dei servizi in streaming per la diffusione delle loro creazioni è quella degli internauti e quindi potenzialmente l’intero mondo di Internet.
La SIAE accoglie la richiesta del presidente dell’Associazione Internet Media - ing.
Come affermato sul sito web, SCF è la società che, in Italia, gestisce la raccolta e la distribuzione dei compensi, dovuti ad artisti e produttori discografici, per l’utilizzo in pubblico di musica registrata.