Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pionieri delle tv libere italiane, Toscana: la scomparsa di Mauro Montagni
Nei giorni scorsi è scomparso Mauro Montagni (sotto, in una foto degli anni '70), pioniere della radiotelevisivione toscana. La sua storia è avventurosa, come del resto quella di tutti i pionieri delle tv libere italiane. La ripercorriamo attraverso un articolo di commemorazione di Ruggiero Righini dal portale Storia Radio Tv dell'amico Massimo Emanuelli. "Tutto inizia negli anni ’50, quando Mauro apre prima un negozio di elettrodomestici e poco dopo fonda la società Montagni Mauro Elettronica. Nel 1964 inaugura la nuova sede di 5 piani adibita parte a negozio e parte a laboratorio con sopra la famosa parabola del diametro di 13 metri per cercare di ascoltare i primi segnali dai primi satelliti artificiali. Nel 1970 attiva il primo ripetitore televisivo dal quale ricava molti problemi giudiziari per poter vedere in diretta, ma soprattutto a colori, i campionati del mondo di calcio da Citta’ del Messico. Il ripetitore ripete il segnale del 2° programma Francese Antenne 2 in Secam quando in Italia si fanno ancora trasmissioni sperimentali a colori per pochi minuti al giorno. Nel 1973, quel primo ripetitore molto artigianale viene seguito da altri impianti molto piu’ seri che irradiano il segnale della Tv francese Antenne2 sulle aree di Milano, Bologna, Firenze, Siena, Grosseto, Perugia e Roma. Il 4 agosto del 1974 attiva “Firenze Libera” che contende a Tele Bari la primogenitura di TV Privata Italiana che trasmette via “Etere”. Da questa data l’attivita’ principale di Montagni e’ quella della installazione e manutenzione di impianti radio televisivi e alla Montagni Mauro Elettronica viene affiancata la R.T.M. srl (Ripetitori Televisivi Montagni) che cura tuttora la manutenzione a varie emittenti private nazionale e Locali. Si deve a lui la nascita a Firenze di Canale 48, Il Canale dei Bambini e dello Sport, Tele Regione Toscana, Tele Centro Toscana. Le sue società si avvalgono di personale molto qualificato ed esperto in un settore vitale per la Tv, cioè la tecnica dei trasmettitori, dei ponti e dei collegamenti e dispongono di grandi mezzi per la ripresa in studio e di furgoni- regia mobili che permettono la ripresa di molti avvenimenti. I tecnici stessi di emissione e ripresa provengono spesso dalle esperienze delle emittenti più importanti sopra citate e dispongono anche di una serie di collegamenti via satellite con l'Europa, l’America e la Russia per ritrasmettere più importanti avvenimenti mondiali. Con la scomparsa di Mauro Montagni ha termine un magico periodo per la televisione toscana".
12/09/2009 12:16
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblichiamo in esclusiva per questa rubrica due documenti introvabili per gli appassionati della storia delle prime radio e tv locali italiane.
Salvatore Scaravilli, uno dei volti più conosciuti di Tvr Teleitalia, la televisione regionale toscana di Prato, è morto all'età di 77 anni il 2 scorso a Firenze.
Per la prima volta a Busto Arsizio un mostra che documenta la nascita delle televisioni private. Dal 19 novembre al 3 dicembre 2016 lo spazio polifunzionale di Bottega Artigiana in via Zappellini, 4 ospiterà una rassegna dedicata alle due televisioni nate, l’una a Busto Arsizio e l’altra a Legnano, che hanno fatto la storia dell’emittenza privata italiana: TeleAltoMilanese e Antenna3 Lombardia.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico delle graduatorie per il rilascio dei diritti d’uso di frequenze attribuite a livello internazionale all’Italia - c.d. frequenze coordinate - non assegnate ad operatori di rete nazionali per il servizio televisivo digitale terrestre, a conclusione delle procedure avviate con i bandi pubblicati il 02/05/2016.
Il Tribunale di Pisa ha omologato i concordati preventivi presentati da Publiaudio srl e Radio Valdera srl, carrier di importanti contenuti radiofonici (prevalentemente della Mediahit srl, titolare dei format e dei marchi associati).