Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pluralismo, suggerimenti ADUC: no a più di una tv per editore, ai contributi, al canone RAI, all'ordine dei giornalisti
Ci scrive l'associazione di consumatori ADUC: "Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, in un messaggio inviato ad un convegno sull'editoria e i giovani in corso a Siena, ha manifestato il suo entusiasmo per l'iniziativa asserendo che ".. il Paese cresce se con esso crescono la cultura, l'innovazione, l'informazione e quindi la liberta'". Giusto! Siamo d'accordo con il capo del Governo. E ci sentiamo stimolati a dare alcuni consigli. Come soggetto della societa' civile esterno alle varie prebende dello Stato e impegnato in un servizio che con l'informazione intende sviluppare la consapevolezza dei singoli nel loro rapporto con lo Stato e l'economia. Potremmo scrivere fiumi di consigli, ma avremo altre occasioni, piu' specifiche, per manifestarli. Per cultura e innovazione ci limitiamo ad evocare il metodo delle privatizzazioni e liberalizzazioni con la partecipazione dello Stato solo come controllore di regole che impongano la propria estraneita' a qualunque business. Per l'informazione, invece, siamo piu' specifici, indicando alcuni punti fermi che, a nostro avviso, farebbero crescere la stessa rendendo -come dice Silvio Berlusconi- il Paese piu' libero. Il nostro concetto e la nostra pratica di crescita e' solo in termini quantitativi (sulla qualita' ognuno decide e giudica per se'), quantita' che per manife starsi abbisogna di assenza di monopoli e oligopoli e di leggi che limitino le specifiche attivita' professionali. Ecco cinque consigli/base, per partire: - Rai. Abolizione dell'imposta/canone. Privatizzazione con bando di gara per soli soggetti esterni al 100% allo Stato. Contratto di servizio per l'informazione istituzionale - Emittenti private. Divieto di possesso al medesimo proprietario per piu' di una rete nazionale e piu' di un rete locale/regionale  - Abolizione dei finanziamenti agli organi di partito - Abolizione dei contributi all'editoria - Abolizione dell'ordine dei giornalisti. Ovviamente ci sarebbero tanti altri punti. Ma se solo questi fossero presi in considerazione, anche solo per sviluppare un confronto istituzionale e non che non si basi sull'abituale insulto, arroganza e prepotenza, sarebbe un punto di partenza. Per far crescere l'informazione crediamo occorrano opportunita' e i nostri consigli possono servire in questo senso. Vincenzo Donvito, presidente Aduc"
22/05/2009 12:04
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 17 marzo il consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare il decreto legislativo “che prevede disposizioni per l’incremento dei requisiti e la ridefinizione dei criteri per l’accesso ai trattamenti di pensione di vecchiaia anticipata dei giornalisti e per il riconoscimento degli stati di crisi delle imprese editrici, in attuazione della legge 26 ottobre 2016, n. 198” (Comunicato stampa ufficiale del Consiglio dei Ministri).
La “ricongiunzione” consente – a chi ha versato contributi in gestioni previdenziali diverse – di accentrare tutti i periodi assicurativi presso un unico ente, al fine di ottenere un’unica pensione. Le contribuzioni sono materialmente trasferite da ente ad ente.
Marzo porta con sé aria di cambiamenti per il canale televisivo Rete 4. Il canale di Mediaset annuncia grandi novità che entreranno in vigore a partire da questa domenica, 12 marzo: nuova veste grafica e nuovi format in versione sperimentale; questi gli ingredienti principali della rivoluzione a cura di Sebastiano Lombardi, direttore del canale.
Esiste ancora, nell’ambito giornalistico, una disparità di trattamento retributivo legata al genere di appartenenza. Questo, almeno, è il dato evidenziato da un articolo pubblicato sul sito di INPGI notizie intitolato “8 marzo/Le giornaliste continuano ad essere penalizzate”.
Le novità in tema di pensioni per i giornalisti non finiscono con la riforma dell’Inpgi: dal 1 gennaio 2017 è in vigore il cumulo gratuito dei contributi.