Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Professioni: il giornalismo al tempo di Facebook. Presentato ieri a Roma il libro "Penne Digitali 2.0", scritto da Carlo Baldi e Roberto Zarriello
Presentato ieri a Roma il libro "Penne Digitali 2.0", scritto da Carlo Baldi e Roberto Zarriello. Il convegno è stata un'ottima occasione per capire quale strada stia percorrendo, ai tempi di Facebook, una delle professioni più antiche del mondo. Raccontare, informare, rendere conto. Questo è il dovere del giornalista, sin da prima che fosse inventata la stampa. Ma come farlo nel 2009, tempi maturi per internet e Facebook, in cui basta che Gmail si blocchi per due ore per mandare in panico il mondo? Quanto è cambiata questa professione con l'avvento delle più disparate forme di media digitali? Ne hanno discusso ieri i vertici della Federazione nazionale della stampa italiana all'interno di un convegno dal titolo. "Informazione 2.0. Come cambia il giornalismo tra media tradizionali, blog e social network". A incoraggiare la discussione è stata la presentazione di “Penne Digitale 2.0”, volume scritto da Carlo Baldi e Roberto Zarriello, un manuale che affronta il tema della funzione del giornalismo nell'era del web, tra libera circolazione delle informazioni e necessità di una funzione di mediazione. Molte le opinioni a confronto. Secondo Giuseppe Smorto, responsabile di Repubblica.it, “il web è una opportunità e non una minaccia per l'informazione". Ci porta a "un giornalismo più moderno, che sfrutta la tecnologia per abbattere i muri e non per creare cortili virtuali per iniziati". Non bisogna essere troppo entusiasti però, almeno secondo quanto dichiarato da Roberto Natale, presidente della Fnsi: "Condividiamo di questo volume la distinzione netta tra la libera circolazione delle informazioni sul web, intangibile anche per noi, ma anche il riconoscimento dello statuto specifico che compete al giornalismo professionale. Anzi siamo convinti, e l'analisi del libro lo conferma, che ai tempi di Internet ci sia ancor più bisogno di un mediatore professionale che nel mare di notizie vere o false, fondate o meno che la rete a ogni minuto propone, sappia individuare quali siano le notizie e continui a garantire all'opinione pubblica che sotto certi marchi c'è una notizia riconoscibile e affidabile. È proprio questa l'idea della professione - ha concluso il presidente della Fnsi - che stiamo portando nella difficile trattativa con la Federazione degli editori per il rinnovo del contratto di lavoro: il giornalismo è uno, ovunque sia esercitato” (dichiarazioni tratte da Fnsi.it). I bloggers sono dunque avvisati: divertirsi pure, ma la professionalità sarà sempre una peculiarità appartenente ad altri. Sarà poi vero? (Davide Agazzi per NL)
26/02/2009 16:03
 
NOTIZIE CORRELATE
Non è un segreto che Facebook sia di gran lunga il social network più diffuso al mondo, con un’utenza che si aggira intorno ai 2 miliardi e nessun concorrente effettivamente in grado di scalfirne le dimensioni; è proprio per questo motivo che le altre piattaforme hanno finora puntato sul fornire servizi alternativi e Facebook ha puntualmente fatto di tutto per inglobarle, mostrando un atteggiamento che sembra nascondere l’intenzione di restare l’unico sulla piazza.
Non si placano gli animi dei giornalisti romani dipendenti di Mediaset, preoccupati per un ridimensionamento della sede del Tg5. Solo pochi giorni fa l’incontro tra i vertici del Biscione e i sindacati del settore sembrava aver fugato dubbi e timori circa un intervento sulla sede capitolina.
Facebook punta al mercato musicale per migliorare la sua rendita, e conta di farlo continuando a sfidare Google e la sua colossale piattaforma video, il contenuto online che crea maggior engagement in assoluto.
Se si parla di diffamazione, Facebook e i social non sono assimilabili alla stampa ma vanno considerati come mezzo di pubblicità: così stabilisce una recente sentenza della Cassazione.
Il fermento suscitato dalle elezioni presidenziali americane sembra aver portato alla luce il fenomeno preesistente delle “fake news” (le "bufale"), contro il quale pare si stia avviando una vera e propria “guerra”.