Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pubblicato il rapporto sulla libertà di stampa di Rsf: Italia 49ma, ultima tra le “democrazie” occidentali
Verrebbe quasi da dire, a non voler essere così pessimisti, che poteva andarci peggio. Certo, il risultato è eclatante, umiliante, eloquente, ma visto l’andazzo, oramai l’Italia ha imparato a guardarsi indietro piuttosto che guardarsi avanti.
È una triste verità, ma in tempi come questi, in cui pare non esserci mai limite al peggio, essere un posto più in alto della Romania e ben diciannove più in alto della Bulgaria è già di per sé un successo. Ironie a parte, l’annuale rapporto di Reporters sans Frontieres ha declassato ulteriormente il nostro Paese che, nel 2007, occupava la 35ma posizione, lo scorso anno la 44ma e quest’anno è sceso di ulteriori cinque posizioni, a testimonianza del trend che il sindacato dei giornalisti ha notato e ha voluto denunciare lo scorso 3 ottobre, checché ne dicano i proclami avversi di Minzolini e compagnia. L’Italia, quindi, è la democrazia dell’Europa occidentale con meno libertà di stampa, ma non è la sola a versare in condizioni pericolose. Balza agli occhi il 44mo posto della Francia di Sarkozy, anch’essa nel mezzo di burrascosi rapporti tra potere esecutivo e informazione. Al 46mo posto, poi, c’è la Slovacchia, mentre spostandoci verso est, ma non troppo, troviamo la Turchia in caduta libera, al 122mo posto a pari merito con le Filippine. Un bel record negativo, considerando anche che invece la Repubblica turca di Cipro, protettorato di Ankara, occupa la dignitosa 51ma posizione. Certo, l’Italia si guarda indietro, ma dovrebbe dare anche uno sguardo avanti. In testa, tanto per cambiare, troviamo le democrazie nordeuropee, con un quintetto che occupa a pari merito la prima posizione, composto da Danimarca, Finlandia, Irlanda, Svezia e Norvegia, seguite da Estonia (che risultato per un Paese sino a vent’anni fa sotto l’influenza sovietica!), Paesi Bassi, Svizzera e Irlanda. Un vistoso e significativo balzo in avanti lo fanno gli Stati Uniti di Obama, che occupavano la 40ma posizione nel 2008 ed ora ne guadagnano venti. Guardando infondo alla classifica, balza agli occhi la 153ma posizione della Russia di Medvedev, addirittura peggio della 149mo posto dell’Afghanistan e poco meglio del 156mo posto della Libia di Gheddafi. Ancora più infondo, troviamo una sfilza di non sorprese, partendo dal 168mo posto della Cina, arrivando al 170mo di Cuba, finendo con Iran, Turkmenistan, Corea del Nord ed il fanalino di coda Eritrea. (Giuseppe Colucci per NL)
20/10/2009 11:07
 

Non solo libertà di stampa

Il concetto di libertà di stampa fa venire in mente quello di memoria storica, infatti il primo contribuisce certamente a rinverdire la seconda. A questo proposito vengono in mente due affermazioni che appaiono quantomai appropriate alla situazione che stiamo vivendo. Il generale Rafael Videla, capo della giunta militare che governò l’Argentina tra il 1976 e il 1981, affermava che “la memoria è sovversiva”. Il senso è che niente che possa nuocere al potere va ricordato. In un’ottica opposta, Roberto Scarpinato, magistrato antimafia della procura di Palermo, dice che “la memoria è come un indice puntato contro i crimini del Potere”.
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 17 marzo il consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare il decreto legislativo “che prevede disposizioni per l’incremento dei requisiti e la ridefinizione dei criteri per l’accesso ai trattamenti di pensione di vecchiaia anticipata dei giornalisti e per il riconoscimento degli stati di crisi delle imprese editrici, in attuazione della legge 26 ottobre 2016, n. 198” (Comunicato stampa ufficiale del Consiglio dei Ministri).
La “ricongiunzione” consente – a chi ha versato contributi in gestioni previdenziali diverse – di accentrare tutti i periodi assicurativi presso un unico ente, al fine di ottenere un’unica pensione. Le contribuzioni sono materialmente trasferite da ente ad ente.
Esiste ancora, nell’ambito giornalistico, una disparità di trattamento retributivo legata al genere di appartenenza. Questo, almeno, è il dato evidenziato da un articolo pubblicato sul sito di INPGI notizie intitolato “8 marzo/Le giornaliste continuano ad essere penalizzate”.
Le novità in tema di pensioni per i giornalisti non finiscono con la riforma dell’Inpgi: dal 1 gennaio 2017 è in vigore il cumulo gratuito dei contributi.
Approvata la nuova riforma pensionistica per l’Inpgi, ma non cessano le voci di protesta e i timori sul futuro dell’Istituto. La riforma, che ha ricevuto il placet di Ministero del Lavoro e Ministero dell’Economia, si è resa necessaria perché i conti in rosso dell’ente ne facevano presagire, nel giro di pochi anni, la chiusura o l’assorbimento nella cassa Inps.