Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pubblicità: boom della tv a giugno (+17,6%). Primo semestre a +7%

Bene giugno 2016 per il mercato degli investimenti pubblicitari in Italia secondo i dati Nielsen: +8,1% sul 2015, che porta a +3,5% il primo semestre.
In termini monetari si tratta di una crescita di 113 mln di euro, che conduce il complesso a 3,351 mld di euro, che, se si considerasse anche il web non monitorato (social network e motori di ricerca), determinerebbe un aumento del 9,1% a giugno e 5,1% sul cumulato. Sullo spaccato per mezzi primeggia la tv, che nel primo semestre ha drenato 2,06 mld di euro, collocandosi a +7,8% dal gennaio 2016 a giugno, dove è cresciuta addirittura del 17,8% (grazie agli Europei). A tirare sono stati soprattutto le aziende di telecomunicazioni (+11,6%), la grande distribuzione (+20,2%) e farmaceutici e sanitari (+10,1%), mentre risultano in flessione finanza (‐14,8%) e abbigliamento (-7,2%). Così Lorenzo Sassoli de Bianchi, presidente della Utenti Pubblicità Associati (UPA): «L’Istat ha recentemente confermato la “tendenza positiva” dell’economia italiana, in questa il mercato della comunicazione pubblicitaria ribadisce nel primo semestre dell'anno il suo ruolo di traino crescendo a ritmi multipli rispetto al Pil: +5%. Una ulteriore conferma anche di quanto le imprese che investono in comunicazione credano nella ripresa economica del Paese, così come testimoniato chiaramente nella recente assemblea degli investitori in luglio». (E.G. per NL)

02/08/2016 08:51
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.
Dal 2018 scompariranno gli spot pubblicitari di 30 secondi su YouTube e Google ha reso noto di “volersi concentrare sui formati che vadano bene sia per gli utenti che per i clienti”.
Nell’era del web 2.0 il superlativo assoluto del successo di una pubblicità non si costruisce con l’aggettivo “planetario”, ma con “virale”.