Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pubblicità. Nielsen: calo 19,5% gennaio-febbraio. Tv: -16%. Radio: -27,2%. Carta stampata: -27,4%. Periodici: -29,6%. La free press segna un -25,3%. Solo il web sorride: + 3,9%
La pubblicità in Italia rimane in forte calo: secondo i dati Nielsen, nel bimestre gennaio-febbraio 2009 è scesa del 19,5% rispetto allo steso periodo dell'anno scorso. Male la carta stampata nel suo complesso, che ha registrato un calo dell'advertising del 27,4%, ma anche la televisione ha accusato una brusca frenata: -16%.
Negativa la radio (-27,2%), mentre Internet ha segnato un aumento: +3,9% rispetto al gennaio-febbraio 2008, a quota 83 milioni di euro. I periodici, in particolare, hanno perso il 29,6% della pubblicità, con le aziende dell'abbigliamento che in gennaio-febbraio hanno diminuito su questi media il 34,6% dei loro investimenti, quelle della cura della persona il 28,7% e i marchi dell'abitazione il 16,8%. I quotidiani a pagamento mostrano una flessione del 26,4% con l'auto e l'abbigliamento, i due settori più importanti, che hanno tagliato la loro pubblicità rispettivamente del 45,3% e del 45,2%. In contrazione anche la free press (-25,3%). Nielsen media precisa che il calo del 16% accusato dalla televisione considera sia i canali generalisti sia quelli satellitari (Sky e Fox) e che a livello generale è soprattutto la pubblicità commerciale nazionale a frenare con una diminuzione del 33,9%. In calo anche la locale (-16,7%) e la cosiddetta rubricata o di servizio (-21,6%). In discesa anche la pubblicità outdoor (-36,2%), quella al cinema (-27,1%) e il direct mail, che accusa un calo del 22%. A livello generale, tra i principali settori si evidenzia la diminuzione degli investimenti pubblicitari da parte delle aziende alimentari (-14,7%), delle auto (-17,6%) e delle telecomunicazioni (-2,7%), mentre nei primi due mesi dell'anno si è registrato un exploit di enti e istituzioni pubbliche (+39,2%). Complessivamente le aziende attive in comunicazione in Italia sono 6.721 (erano 7.552 nel gennaio-febbraio 2008) con un investimento medio di 155 mila euro (-9,3%). Wind, Ferrero e Volkswagen con circa 70 milioni euro di spesa a inizio anno hanno guidato la classifica dei top spender. (ANSA).
18/04/2009 09:26
 
NOTIZIE CORRELATE
Novità per Nielsen, che finalmente conquista la certificazione Media Rating Council (Mrc) negli Usa per la metodologia “Digital in Tv Ratings", che permette di associare alla tradizionale audience tv il pubblico che utilizza abitualmente altri supporti digitali, integrando quindi pc, tablet, smartphone e affini nella raccolta di dati interconnessi alla fruizione degli stessi programmi emessi su piccolo schermo.
Nielsen, attraverso il proprio sito istituzionale, ha comunicato di volere avviare nel 2017 un sistema di misurazione degli ascolti dei podcast che sia funzionale ad un utilizzo da parte delle agenzie pubblicitarie.
Si chiama “Immagino”, ed è il servizio web creato da Nielsen in collaborazione con GS1, per analizzare con precisione i trend di consumo.
Secondo i dati Nielsen, nei primi 11 mesi del 2016 in Italia la raccolta pubblicitaria è cresciuta dell'1,7% rispetto al medesimo periodo dell'anno precedente, ma se si prendono in considerazione anche i dati relativi a search e social, settori non monitorati nella ricerca, allora il risultato potrebbe essere vicino al +3,7%.
Il mercato degli investimenti pubblicitari nei primi dieci mesi dell’anno si attesta a +2,0% rispetto allo stesso periodo del 2015. Nel singolo mese di ottobre la raccolta è in calo dell’1,7%.