Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pubblicità online. Google cambia ancora. E cerca di customizzare anche i servizi tradizionali
Pubblicità. In questa parola si racchiude il segreto dei ricavi di un colosso come Google. Ne abbiamo parlato diverse volte su questo periodico.
E abbiamo parlato anche di modelli organizzativi, mettendo in dubbio la capacità di un colosso di essere innovativo. Proprio nel momento in cui si dubitava della sua capacità di essere “flessibile”, Google ha annunciato che modificherà alcuni dei suoi più importanti processi interni. In pratica l’azienda subirà un’iniezione di creatività, nel cuore del suo modello organizzativo: le strategie di vendita della pubblicità. Google lavorerà per fornire  ai propri grandi clienti strategie personalizzate per far vivere al meglio il loro brand, in tutti i meandri della rete. Una pianificazione personalizzata quindi, ma non solo. Anche dei servizi creativi dedicati, per modificare la grafica delle pagine su cui le aziende investono principalmente. Le prime aziende ad avvalersi di questo tipo di servizi saranno due dei top spender online: Hewlett-Packard e Ford. È ancora presto per capire cosa succederà, però è chiaro a tutti che le potenzialità del gruppo Google (proprietaria anche di YouTube) sono pressoché infinite. L’obiettivo è quello di spostare online parte dei budget destinati alla tv, che, nonostante tutto, rappresenta ancora la fetta principale del mercato pubblicitario, in Nord America come in molte altre parti del mondo. (Davide Agazzi per NL)
16/10/2009 08:05
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
Tra i molti temi trattati nel “Libro bianco sul futuro dell’Europa”, vi è quello dell'innovazione tecnologica e del paradigma digitale nella vita quotidiana dei cittadini dell’Unione.
YouTube si è lanciata nel mondo dello streaming tv a pagamento (SVOD) e sembra intenzionata a fare le scarpe alle concorrenti, Netflix e Direct tv su tutte.