Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pubblicità, radio, inversione di tendenza: a settembre si torna a crescere. Ottimismo per l'ultimo trimestre
Per la prima volta dall'inizio del doloroso 2009, la pubblicità radiofonica torna a crescere. Parliamo di percentuali vicino allo zero, ma a livello psicologico è pur sempre un segnale positivo.
Secondo i dati dell'Osservatorio FCP-Assoradio per la prima volta quest’anno si è infatti registrata una crescita, pari allo 0,6%. E' accaduto nel mese di settembre e gli auspici sembrano buoni anche per i restanti tre mesi che ci separano dall'archiviazione dell'annus horribilis della pubblicità.  Nel merito del dato, rimane ovviamente in negativo l’andamento del periodo gennaio-settembre 2009 rispetto allo stesso periodo del 2008: -14%, per un volume totale di 255.949.000 euro al netto anche dello sconto d’agenzia, ma per Alessandro Buda, presidente di FCP-Assoradio, "il dato di settembre è in linea con le previsioni di miglioramento già segnalate con le due rilevazioni precedenti. Non è il tempo dell’ottimismo ma certamente della speranza di un finale di anno stabile, pronti a crescere nel 2010".
 
 
30/10/2009 06:25
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.
L'Osservatorio FCP-Assoradio (FCP-Federazione Concessionarie Pubblicità) ha raccolto i dati relativi al fatturato pubblicitario del mese di Gennaio 2017.