Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pure Sensia, la radio digitale con Linux a bordo
Frontier Silicon, fornitore di chipset per apparecchi radio digitali ibridi, annuncia di aver avviato le consegne in volume di Venice 7, nuovo modulo per radio multimodalità DAB/FM/Internet. Nel comunicato Frontier sottolinea che nazioni come il Regno Unito o la Francia hanno già fatto intravedere l'intenzione di passare dall'FM analogica al DAB in un certo numero di anni. E' puro marketing, intendiamoci, ma Frontier ha capito perfettamente che senza un forte impegno di politica industriale e normativo difficilmente la radio digitale potrà sostituire quella analogica. E del resto i prodotti di Frontier si stanno adeguando in fretta allo scenario più probabile, quello di una convivenza tra forme vecchie e nuove di radiofonia e piattaforma Internet come sistema di distribuzione di contenuti audio. Uno dei clienti più fedeli di Frontier Silicon è PURE, che proprio in queste settimane sta uscendo con un modello di radio ibrida piuttosto interessante, alla luce delle considerazione fatte qui a proposito dell'altro ricevitore ibrido (ma non DAB) Nokia Home Music. PURE Sensia dovrebbe utilizzare una versione precedente di Venus, la 6.2, almeno a quanto spiega un interessante approfondimento di Linux Devices. Nel modulo è presente il chip Frontier Chorus 2 un processore di banda base molto avanzato compatibile con modulazioni digitali e analogiche (resta fuori la radio digitale DRM, forse a causa della diversa variante di modulazione COFDM utilizzata). Sensia è una radio per modo di dire. Il suo sistema operativo è Linux, tanto che sul suo display touchscreen da 5,7 pollici a colori verranno visualizzate anche vere e proprie applet (già pronte quelle per Twitter e Facebook, non a caso Sensia viene presentata come la radio per la Facebook generation). Il nuovo dispositivo PURE - il costo annunciato su Amazon è di 249,99 sterline - può ricevere via etere segnali FM/RDS, DAB e, con un prossimo upgrade al codec AAC+, il DAB+. Via Internet supporta stream mp3-4, Windows e Real. Previste anche connessioni iPod/iPhone e, tramite protocollo UPnP, con il personal computer. Sensia è a tutti gli effetti un net device e prevede quindi una strategia parallela centrata intorno al portale The Lounge da cui gli utenti Sensia potranno scaricare un media server Win/Mac "Flowserver", ma soprattutto potranno usufruire di una directory di Web radio e canali Podcast che qualunque navigatore può consultare all'indirizzo Thelounge.com. Il portale include un player integrato che permette di riprodurre, da pc, qualcosa come 12000 stazioni (occorre naturalmente il plug-in compatibile con i vari stream). La guida online di The Lounge include molti podcast delle emittenti pubbliche di tutto il mondo e consente di accedere al servizio Listen Again della BBC. Trovate altre informazioni e screenshot su Sensia all'indirizzo del microsito dedicato da PURE al suo nuovo apparecchio, Touchmyradio.com. (Radio Passioni)

 

Frontier Silicon's Venice 7 module now shipping in multiple products making it the fastest selling DAB module of all time

Hong Kong – 13th October 2009: Frontier Silicon, the leading supplier of digital radio technology, today announces its latest generation of unified receiver module is now shipping in multiple products from the world’s leading DAB/ DAB+/DMB-Radio manufacturers. An achievement made even more impressive given the module entered mass production just three months ago.
Products from a range of manufacturers including, PURE, Roberts and Grundig are entering retail stores in good time for Christmas giving consumers an unprecedented range of choice from entry level through to high end table top and Hi-Fi systems.
Anthony Sethill, CEO Frontier Silicon commented “The roll-out of Venice 7 has been truly remarkable. Within just 3 months from production start, we are now shipping hundreds of thousands of modules a month, as manufacturers realize the cost and power saving advantages of our multi-mode DAB/DAB+/DMB-Radio solution”.
Gerry Thorn, Product Director, Roberts Radio commented “Thanks to Venice 7’s ultra-low power, one of the first products Roberts is bringing to market is a hand-held pocket DAB radio.”
Daniel Todd, Managing Director, Bush Australia commented "Venice 7 has enabled us under the Bush and Grundig brands to be one of the first companies to launch a range of the DAB+ radios with iPOD docker into Australia."
As Europe progresses the switch off of analogue TV, an increasing number of countries are declaring their plans for digital radio migration from AM / FM to one of three variants of the Eureka 147 family. The UK is the largest and most mature market today with over 9.5 million DAB radios in circulation. Switzerland and Australia have launched their digital radio services using DAB+ and are already driving significant market growth. France is launching its digital radio service using DMB-Radio at the end of this year while Germany and Italy are expected to launch in the second half of 2010. The French and UK governments are leading the march to digital with both countries mandating digital switch over to conclude by 2013 and 2015 respectively.
Venice 7 is facilitating the digital radio switch over by providing radio manufacturers with a unifying receiver which supports all three DAB variants along with FM in a single low cost, ultra low power all-in-one module. It is the first fully compliant WorldDMB Profile 1 receiver solution enabling audio manufacturers to deliver a single mass market unified digital radio for Europe and Australia.
The Venice 7 module is compliant with WorldDMB’s Profile 1 specification and low power directives for Europe including the UK’s ‘Energy Saving Recommended’ scheme. Thanks to the Kino 3 baseband processor, Venice 7 is able to demodulate, audio decode and drive an intuitive user interface supporting DAB, DAB+, DMB-Radio and FM in battery and mains operated products. It includes all interfaces necessary for a fully functional radio including iPOD / iPhone docking, needing only power supply, display, keypad, audio amplifier and speakers to complete a product. The module is footprint compatible with the world’s best selling DAB/DAB+ solutions Venice 5 and Venice 5.1 – this means radio manufacturers have a fast-to-market upgrade path to offer all major digital radio standards without the need to redesign their product.

13/10/2009 10:57
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".
Un altro anno è passato e la radio digitale terrestre in Italia (così come in molti altri paesi europei) rimane poco più di un intento. Così, mentre il broadcasting IP sta galoppando un po' ovunque, da noi si assiste alla lotta con armi spuntate per la destinazione del canale 13, considerato come l'illusoria soluzione alla ventennale empasse di una tecnologia che, dopo oltre 30 anni dalla sua presentazione, non è ancora riuscita ad affermarsi.