Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Quando Facebook è…indifferente
La notizia del suicidio di un ragazzo di quindici anni, a Torre del Greco, ha fatto scrivere a Cristiano Gatti su Il Giornale un accorato articolo sulla solitudine nell’era di Facebook.
Perché il giovane aveva scritto sulla bacheca del social network la sua macabra intenzione, giorno dopo giorno, con un conto alla rovescia. La frase era “Sto arrivando all’Aldilà”. Nessuno ci aveva creduto. I compagni di classe hanno candidamente affermato che non avevano dato peso alla frase, che pensavano a qualsiasi altra cosa e non certo ad una tragedia annunciata. Questa valutazione del social network che ha poco di social stupisce. Accusare Facebook o chi lo frequenta di indifferenza, francamente è fuori luogo. Facebook, utile per ritrovare vecchi amici, tenere contatti, scambiarsi idee, è anche per la stragrande maggioranza di chi ci scrive solo una specie di sfogo delle proprie emozioni, di ciò che si cova dentro, di adesioni ad improbabili link, a comunicazioni che “dal vivo” non si avrebbe il coraggio di esternare. Non è un confessionale laico. Su Facebook sono scritte le cose più varie, solitamente basate sullo scherzo, sul paradosso, sulla voglia di stupire ( che, poi, non stupisce nessuno). E’ poco più ( o poco meno?) di una goliardata virtuale. Come si può pensare di prendere sul serio ciò che vi è scritto? Ma avete mai navigato veramente su Facebook? Un oceano di sciocchezze: slogan contro questa o quella squadra di calcio; adesione ai gruppi più diversi ( per tutti quelli che…e giù un’antologia delle situazioni più assurde); all’apertura del Biscotto della fortuna...Questo è Facebook. Spiace per la tragedia di quel povero ragazzo, ma l’indifferenza non è di Facebook che, invece, è diventato – pur tra tante sciocchezze – un modo per incontrarsi, per tenersi in contatto, per non essere soli. Che poi la vera amicizia sia tutt’altro…,beh, questa è un’altra storia. (Antonio F. Vinci per NL)
 
12/10/2009 21:06
 
NOTIZIE CORRELATE
Le due novità in fatto di navigazione, Whatsapp Web e Telegram Web, famosi servizi di messaggistica istantanea nati come semplici app e adesso usufruibili anche tramite sito web su computer e tablet, sono state recentemente prese di mira dagli hacker della Rete; questo almeno è quanto emerge da uno studio firmato Check Point Software Technologies Ltd., ovvero un'azienda israeliana produttrice di dispositivi di rete e software, specializzata in prodotti relativi alla sicurezza quali firewall e VPN (Virtual Private Network - rete di telecomunicazione privata).
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
Tra i molti temi trattati nel “Libro bianco sul futuro dell’Europa”, vi è quello dell'innovazione tecnologica e del paradigma digitale nella vita quotidiana dei cittadini dell’Unione.
Snap, società a cui fa capo l’applicazione Snapchat, è sopravvissuta al suo primo giorno di quotazione in Borsa (venerdì 3 marzo) chiudendo a 26,7 dollari con una crescita del 9%.