Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Quotidiani troppo legati alla pubblicità a rischio chiusura
 
A sostenerlo è uno studio svolto da due ricercatori della Oxford University i quali hanno dimostrato come un tale squilibrio (tra ricavi derivanti dalle vendite del quotidiano ed inserzioni) sia la causa principale dell’ondata di tagli all’organico che ha colpito il mondo dell’editoria – in particolare quella inglese.
Oggetto dell’analisi – commissionata dal Reuters Institute for the Study of Journalism – è l’industria dei quotidiani di diversi paesi nel mondo, tra cui USA, UK, Germania e Brasile. Dallo studio emerge che la crisi che affligge gran parte del settore editoriale di tutto il mondo è stata maggiormente accusata dalle testate ove la vendita di spazi pubblicitari rappresenta la quasi totalità dei ricavi, ed ha rilevato, inoltre, come tale periodo di difficoltà non è causato dall’avvento delle nuove tecnologie e dalla conseguente digitalizzazione dei giornali ma dal pericoloso legame con il mercato pubblicitario. Nei casi in cui, infatti, i ricavi pubblicitari si attestano attorno alla metà del totale dei ricavi, il quotidiano mantiene buone performance, mentre ove tale rapporto propende in misura maggiore a favore della pubblicità, le oscillazioni che colpiscono il mercato pubblicitario si riversano irrimediabilmente (e negativamente) anche sulla testata. Nei paesi anglosassoni i profitti pubblicitari incidono notevolmente sui ricavi totali. Infatti, nonostante in paesi come Stati Uniti, Germania e Finlandia il numero di utenti di internet si attesti su percentuali simili, “l’industria dei giornali americana, che basa più dell’ 80% delle sue entrate sulla pubblicità, è oggi in una crisi molto più seria che in paesi come la Germania o la Finlandia, dove le inserzioni pubblicitarie costituiscono in generale la metà dei ricavi totali”. Nei paesi europei invece la dipendenza da pubblicità è meno forte e le inserzioni pesano solamente 30 punti percentuali sui ricavi. (M.C. per NL)
 
 
 
24/11/2010 18:26
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.