Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio digitale. DAB-S: royalties, gli abbonati pagheranno al posto di Sirius XM
(Radio Passioni) - Nuovi guai in vista per l'operatore satellitare Siurius XM, che dopo il merger deve poter contare sui flussi di cassa generati dagli abbonamenti per risolvare la sua non facile situazione debitoria. Ma conservare la fedeltà degli abbonati rischia di diventare problematico perchè dopo gli aumenti delle tariffe entrati in vigore nei mesi scorsi ora l'operatore ha preso una decisione che non risulterà troppo popolare: a partire dal mese prossimo Sirius XM trasferirà agli ascoltatori la tassa di circa due dollari attualmente versata per coprire i costi dei diritti sui brani musicali trasmessi, diritti che vengono percipiti non dagli autori ma dagli interpreti dei brani e dalle loro case discografiche. E' la stessa tassa che discografici e cantanti vogliono imporre alle stazioni radiofoniche terrestri (con un progetto di legge molto controverso) e che le stazioni radio via Web e gli operatori di radio digitale come Sirius XM versano da tempo, tra l'altro con aumenti anche cospicui. Fino a oggi Sirius si sobbarcava il balzello. In questi giorni, un memo interno fatto circolare su Internet (ecco per esempio il testo pubblicato da Satellite Guys, un forum di appassionati) ha rivelato l'intezione di riversarlo su chi si abbona. Dopo aver salvato la sua azienda per il rotto della cuffia, con il prestito di un altro operatore satellitare, Liberty Media, per Mel Karmazin, audace e fortunato Ceo di Sirius XM, la fedeltà degli abbonati è una priorità assoluta. Quanta pressione potrà permettersi di esercitare su di loro? E se l'azienda dovesse fallire, chi trasmetterà i brani musicali le cui royalties vanno a rimpinguare solo le tasse dei discografici?
01/06/2009 14:16
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".
Un altro anno è passato e la radio digitale terrestre in Italia (così come in molti altri paesi europei) rimane poco più di un intento. Così, mentre il broadcasting IP sta galoppando un po' ovunque, da noi si assiste alla lotta con armi spuntate per la destinazione del canale 13, considerato come l'illusoria soluzione alla ventennale empasse di una tecnologia che, dopo oltre 30 anni dalla sua presentazione, non è ancora riuscita ad affermarsi.