Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio digitale, Digital Radio Mondiale: a giugno il DiWave100
(Radio Passioni) - UniWave Development ha appena pubblicato sul suo sito ampi dettagli e manualistica in lingua inglese del ricevitore DRM a silicio Mirics DiWave 100, previsto per questa primavera.

Annunciata anche una data di disponibilità, che però induce a qualche piccolo dubbio. Il ricevitore DRM/FM/MW/SW (manca il DAB e non si capisce bene perché) digitale-analogico, atteso come il messiah di un possibile "rilancio" di Digital Radio Mondiale (finora i ricevitori stand alone commerciali sono stati scarsi sul piano dei volumi e deludenti su quello delle funzionalità) non sarà disponibile prima di giugno e lo sarà solo in quantitativi limitati. In un contesto industriale consumer questo non è mai un bel segno perché implica difficoltà di fornitura di componenti. Nel mercato informatico la non disponibilità di componenti in volume può essere un peccato mortale. Qui, nella nicchia molto più ridotta della radio digitale in onde corte e medie, gli obiettivi di break even possono essere molto più contenuti, ma a questo punto tutto dipende da che cosa si intende per "quantitativi limitati". Creare un prodotto di cui pochi possono tastare con mano le potenzialità potrebbe non bastare, se lo scopo è quello di imporre la radio digitale come efficace alternativa all'esistente. Nel software di interfaccia non vengono citate funzioni come la EPG e la visualizzazione di pagine HTML previste dal DRM MoT (multimedia object transfer), evidentemente non è stato possibile integrare un motore di rendering adeguato e non c'è da stupirsi. Non si conoscono ancora i dettagli relativi al prezzo su strada.

29/04/2009 16:08
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".
Un altro anno è passato e la radio digitale terrestre in Italia (così come in molti altri paesi europei) rimane poco più di un intento. Così, mentre il broadcasting IP sta galoppando un po' ovunque, da noi si assiste alla lotta con armi spuntate per la destinazione del canale 13, considerato come l'illusoria soluzione alla ventennale empasse di una tecnologia che, dopo oltre 30 anni dalla sua presentazione, non è ancora riuscita ad affermarsi.