Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio digitale: Microsoft Zune, doppia scommessa con HD Radio
(Radio Passioni) - Microsoft, si sa, può permettersi di aspettare che certe sue idee si trasformino da flop a grande successo. Uno dei migliori esempi recenti di questa propensione alle strategie di lungo termine è il lettore multimediale Zune, la cui prima versione non era francamente troppo brutta per potersi davvero presentare come l'anti-iPod in cui Redmond confidava. Non sono andate meglio le cose con la versione successiva, di gran lunga più elegante. La terza iterazione di Zune (grazie a Francesco per il link da Podcastingnews) si chamerà Zune HD ed è stata annunciata ieri con un comunicato stampa ufficiale e qui devo dire che Microsoft, normalmente prudente, sorprende per il suo coraggio nell'abbinare non uno ma due linee di prodotto in cerca di affermazione. Zune HD si chiama così perché integra il ricevitore per la radio digitale HD Radio (e presumo per l'FM analogica). Potrebbe davvero essere una decisione o la va o la spacca, anche se è Microsoft che avrebbe più da perdere in caso di ulteriore insuccesso. Se invece Zune, che oltretutto punta a una maggiore integrazione con la console Xbox per la distribuzione di contenuti video e incorpora anche un browser per Internet, dovesse convincere il pubblico giovanile che normalmente acquista questi dispositivi, l'impatto sulla radio digitale secondo Ibiquity potrebbe essere notevole. Se i giovani riscoprissero la radio attraverso il sistema HD, sarebbe davvero un bel risultato. Ma a questo punto molto dipenderà dal tipo di offerta che le emittenti sapranno costruire sfruttando il multicasting digitale per diffondere stream musicali appetibili per un pubblico così esigente. Per Microsoft la scommessa si fa ancora più complicata ma tanto di cappello: era l'unico modo per rilanciare. Peccato, che il matrimonio con HD Radio connoti definitivamente il nuovo Zune come prodotto "all American boys". A meno che Microsoft non stia pensando a una versione DAB...

Zune HD is the next iteration of the Zune device family and brings a new level of listening and viewing experiences to the portable media player category.
• Zune HD comes with a built-in HD Radio receiver so users can listen to higher-quality sound than traditional radio on the go. Users also will have access to the additional song and artist data broadcast by HD Radio stations as well as additional channels from their favorite stations multicasting in HD. If you don’t like the song playing on your station’s HD channel, switch to its HD2 or HD3 channels for additional programming.
• The bright OLED touch screen interface allows users to flip through music, movies and other content with ease, and the 16:9 widescreen format display (480x272 resolution) offers a premium viewing experience on the go.
• The HD-compatible output lets Zune HD customers playback supported HD video files from the device through a premium high-definition multimedia interface (HDMI) audiovisual docking station (sold separately) direct to an HD TV in 720p.
• Zune HD will include a full-screen Internet browser optimized for multitouch functionality.
• Zune HD is Wi-Fi enabled, allowing for instant streaming to the device from the more than 5 million-track Zune music store.

27/05/2009 16:03
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".
Un altro anno è passato e la radio digitale terrestre in Italia (così come in molti altri paesi europei) rimane poco più di un intento. Così, mentre il broadcasting IP sta galoppando un po' ovunque, da noi si assiste alla lotta con armi spuntate per la destinazione del canale 13, considerato come l'illusoria soluzione alla ventennale empasse di una tecnologia che, dopo oltre 30 anni dalla sua presentazione, non è ancora riuscita ad affermarsi.