Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio digitale. Niente FM per iPhone, che "sente" la radio in altro modo
(Radio Passioni) - E così niente radio FM per l'iPhone. La terza versione dell'ultrasmartphone di Apple, annunciata in questi giorni, avrebbe dovuto incorporare - secondo molti "rumoristi" della mela, come Apple Insidere che aveva addirittura scovato nell'ultima release di iTunes, la 8.2 stringhe di codice che facevano pensare alla possibilità di "taggare" e acquistare le canzoni ascoltate via radio - un chip multistandard che oltre a supportare le connessioni wifi integrava un rice-trasmettitore 88-108 MHz. Sto leggendo i commenti delle newsletter specializzate americane e nessuno degli esperti di radiofonia commerciale sembra particolarmente sorpreso. Quella di Apple è una strategia soprattutto commerciale e vincolata a quella degli operatori. La radio FM è ancora una tecnologia gratuita. Forse avrebbe senso per Apple buttarsi nella radio digitale HD Radio/IBOC e io personalmente non escludo che lo faccia, anche se per ora mi sembra un terreno troppo inesplorato. La rete invece, non è affatto un territorio inesplorato e Internet sta veicolando montagne di flussi musicali e radiofonici, verso iPhone, verso i pc e chissà quanti altri dispositivi (di Chumby ho appena parlato). Tanto che mentre la conferenza degli sviluppatori Apple magnificava la piattaforma iPhone 3.0 priva di FM, gli osservatori americani puntavano gli occhi su un'altra notizia che vi invito a leggere attraverso il comunicato ufficiale di Clear Channel, proprietaria di centinaia di stazioni AM/FM che proprio l'8 giugno ha rilasciato una dettagliata analisi dell'andamento delle sue attività digitali, inclusa l'applicazione per iPhone e Blackberry iHeartradio (350 stazioni sintonizzabili via Internet). Sono 22 milioni gli ascoltatori di programmi Clear Channel in digitale e gli indici di gradimento di iHeartradio sono fantastici se paragonati alle cifre delle altre applicazioni iPhone, che in genere stufano subito chi le ha scaricate il primo giorno. La radio Clear Channel su iPhone piace moltissimo, ma ancora una volta mi preme sottolineare che non viaggia sulle frequenze dell'FM, ma direttamente su IP. Leggete questo estratto dal press releas di Clear:
Users engaging with digital properties hit 22 million per month
In the first of its announcements, Clear Channel Radio revealed that its active, unique monthly audience across all of its digital properties now numbers 22 million, according to data from Omniture, Inc. The company also disclosed usage patterns for the full 12 months of 2008 and initial months of 2009.
In addition to industry-leading raw numbers, the company is showing strong gains in year-over-year audience growth.
The company also announced it's using Ando Media to measure size and behavior for its rapidly growing streaming audience. For some stations, online and mobile phone listening now amounts to an additional 15% in total listeners beyond the AM/FM broadcast.
Both Omniture and Ando are server-based measurements, meaning data is based on actual user activity instead of relying on panel-based methods. With real-time, validated measurement and behavioral data, Clear Channel Radio now offers unprecedented insight to both programmers and advertisers.
Separately, Clear Channel Radio and Ando Media announced today that results of a comprehensive audience survey – which saw an incredible 70% opt-in rate – will be available to advertisers immediately.
iheartradio mobile app thriving
Some of the company’s strongest gains are coming from its mobile platform. To date, more than two million unique users have downloaded the iheartradio application. Just recently, iheartradio spent 10 days as the #1 BlackBerry app and has remained in the top 20 since launch. For the iPhone and iPod Touch, the application consistently ranks in the top five among free music apps.
iheartradio’s user engagement is especially strong. According to data from Pinch Media (in a February 2009 study of more than 30 million downloads of free iPhone apps), engagement with the typical mobile application drops off precipitously within 30 days. Less than 5% of users who originally downloaded the app return to use it.
Clear Channel Radio is seeing exactly the opposite behavior with iheartradio. Some 80% of users have downloaded subsequent updates of the app from the iTunes App Store and a full 20% of those who have downloaded the app come back weekly.
In addition, iheartradio users are showing dramatically longer time spent with the app than the average user of mobile applications. A January 2009 study from Magid Associates pegged average time spent with all mobile apps at 39 minutes per week. iheartradio users listen an average of 99 minutes per week.
10/06/2009 12:22
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".