Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio digitale. Radiobee, ascoltare la radio sul BlackBerry. Rilasciata la nuova versione 1.6
(Blackberry Italia.it) - Avevamo parlato di Radiobee a Gennaio di quest'anno in occasione del rilascio di una delle prime versioni beta. E' stata ora rilasciata la versione finale 1.6 compatibile su svariati modelli di palmari BlackBerry RIM con firmware 4.3 o successivi. La nuova versione 1.6 introduce il supporto alle stazioni radio su internet di tipo SHOUTcast e Icecast. Inoltre c'e' il supporto per la connessione Wi-Fi e lo streaming Bluetooth. La lista delle stazioni radio disponibili di default comprende circa  70.000 canali per cui la scelta e' assolutamente vasta ed e' possibile cercarle in una comoda lista suddivisa per genere musicale oltre che aggiungere delle nuove stazioni radio manualmente. Avevamo gia' detto a suo tempo che RadioBee non e' in grado di sfruttare l'APN blackberry.net per cui valutate bene cosa prevede il vostro contratto prima di procedere all'acquisto. A meno che la vostra intenzione non sia quella di usarlo esclusivamente ove e' disponibile una connessione Wi-fi avendo chiaramente un modello di palmare BlackBerry con antenna wifi. Altrimenti e' quantomeno necessario avere una tariffa fissa - e non a consumo - sulle APN di traffico dati non filtrato del proprio gestore telefonico (es. ibox.tim.it, web.omnitel.it, ecc.) per evitare di ricevere bollette salate.

 

Radiobee e' disponibile nel BlackBerry Store al prezzo di 7,16 € circa ed e' disponibile per i seguenti smartphone BlackBerry: 8220 (Pearl Flip), 83xx e 8900 Curve, 87xx, 88xx, 9000 Bold e Storm.

26/06/2009 08:17
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".
Un altro anno è passato e la radio digitale terrestre in Italia (così come in molti altri paesi europei) rimane poco più di un intento. Così, mentre il broadcasting IP sta galoppando un po' ovunque, da noi si assiste alla lotta con armi spuntate per la destinazione del canale 13, considerato come l'illusoria soluzione alla ventennale empasse di una tecnologia che, dopo oltre 30 anni dalla sua presentazione, non è ancora riuscita ad affermarsi.