Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio digitale: Sirius XM, prima radio universale. E tra poco, iPhone
(Radio Passioni) - Annunciato all'inizio dell'anno per questa primavera, sarebbe già disponibile da Sirius XM il primo ricevitore integrato capace di ricevere l'intera offerta combinata dei due operatori radiosatellitari americani, che si sono fusi lo scorso anno. Finora gli abbonati ai due servizi non hanno avuto la possibilità di sintonizzarsi con il loro vecchio apparato sui segnali dell'ex concorrente, perché le due infrastrutture satellitari (una geostazionaria, l'altra a orbita polare) non lo consentivano. Il primo ricevitore universale Sirius XM si chiama "Mirge" e costa 249 dollari sul Sirius XM Shop.
Oggi Sirius ha anche reso nota l'intenzione di lanciare quanto prima una sua applicazione per l'ascolto dei canali satellitari via Internet su dispositivi Apple iPhone/iTouch, una decisione che secondo alcuni commentatori potrebbe essere tardiva. PodcastingNews (grazie a Fransceso Delucia per la citazione) osserva giustamente che all'epoca del lancio dei servizi Sirius/XM, la radio satellitare aveva due vantaggi sicuri: la varietà della programmazione e la copertura a livello nazionale. Oggi, osserva la testata online, milioni di navigatori sono sommersi di contenuti musicali che arrivano dalla rete.
In queste settimane Sirius è uscita per il rotto della cuffia e solo temporaneamente da una pesante situazione debitoria grazie all'intervento dei capitali di Liberty Media. L'altro ieri sono stati annunciati i risultati "pro forma" del 2008 (i dati non sono Gaap, cioè non sono certificati) e per la prima volta nella sua storia l'azienda può vantare un piccolo margin on operation trimestrale. Su un fatturato di 644 milioni di dollari nell'ultimo quarto dell'anno, l'utile operativo è di quasi 32 milioni, anche se con tutte le altre spese e gli interessi che ha in ballo la perdita rimane di 248 milioni. L'anno si chiude con un ricavato di 2,46 miliardi di dollari e una perdita netta di 900 milioni. Migliorano parametri fondamentali come il costo di acquisizione per nuovo abbonato (sono più di 19 milioni al momento).
12/03/2009 17:45
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".
Un altro anno è passato e la radio digitale terrestre in Italia (così come in molti altri paesi europei) rimane poco più di un intento. Così, mentre il broadcasting IP sta galoppando un po' ovunque, da noi si assiste alla lotta con armi spuntate per la destinazione del canale 13, considerato come l'illusoria soluzione alla ventennale empasse di una tecnologia che, dopo oltre 30 anni dalla sua presentazione, non è ancora riuscita ad affermarsi.