Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio digitale, Svizzera: ancora nuove reti per la SRG SSR idée suisse
Continua in Svizzera il progresso della radio digitale. Dal prossimo 15 ottobre 2009 la concessionaria pubblica SRG SSR idée suisse aumenterà la sua capacità di trasmissione nel nuovo standard DAB+.
In Svizzera sono già stati venduti più di 350‘000 ricevitori per radio digitali e il prossimo 15 ottobre, grazie al passaggio di varie stazioni radio SRG SSR al nuovo standard DAB+, vi sarà un motivo in più per interessarsi a questa nuova generazione tecnologica di broadcasting radiofonico. Anche gli ascoltatori residenti nella Svizzera italiana potranno beneficiare delle ultime novità in fatto di radio numeriche: a sud delle Alpi DRS 1 e La Première faranno il loro ingresso in DAB+; nella Svizzera tedesca, con il DAB+ arriverà anche World Radio Switzerland (WRS),“The first Swiss Radio in English”; in quella francese, numerosi romandi che lo avevano ripetutamente chiesto potranno ascoltare DRS Musikwelle. Infine, nei Grigioni la SRG SSR veicola già da ottobre 2008 in DAB+ tutte le emittenti radiofoniche inserite nel bouquet svizzero-tedesco. Per ricevere le nuove proposte della SRG SSR è necessario possedere una radio digitale tipo DAB+, la tecnologia ormai subentrata al vecchio DAB-T Eureka 147 e che si è ben diffusa su tutto il territorio della Confederazione. Da più di un anno i ricevitori in commercio sono esclusivamente del tipo DAB+, ma permettono di captare anche tutte le emittenti trasmesse col vecchio DAB-T. Sono facilissimi da usare e la ricerca automatica dei singoli canali parte non appena vengono attivati. L’obiettivo futuro sarà quello di diffondere in tutta la Svizzera le reti radiofoniche della SRG SSR nel nuovo standard DAB+ già a partire dalla fine del 2012. Nel corso di una prima fase di transizione, che durerà fino al 2015, la SRG SSR trasmetterà alcuni programmi ancora in DAB-T e gli ascoltatori avranno dunque la possibilità di poter passare in modo graduale al nuovo standard DAB+. La concessionaria pubblica SRG SSR, infine, continuerà anche il simulcast analogico delle sue reti radiofoniche in FM fino all’entrata in vigore di nuove disposizioni normative. (Paolo Masneri per NL)
06/10/2009 20:11
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
“Non vi sono frequenze sufficienti per permettere l’avvio del digitale a regime nei 23 bacini non ancora pianificati”; a dirlo non è uno dei tantissimi scettici del DAB+, la radio “digitale”, ma Marco Rossignoli, coordinatore di Aeranti-Corallo, supporter della tecnologia numerica terrestre di radiodiffusione sonora.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".