Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio digitale, UK: BBC recensisce due modelli di radio DAB per l'auto
"BBC Technology ha pubblicato una videorecensione di una autoradio DAB della JVC, uno dei pochi modelli di car radio compatibile con la radio digitale. E' stato prodotto qualche anno fa e costa sul mercato britannico circa 100 sterline. Nello stesso filmato di Zoe Kleinmam (ripresa mentre guida attraverso i quartieri occidentali di Londra, immagino intorno a Kensington) viene messo alla prova il ricevitore/convertitore DAB della Pure capace di ritrasmettere i segnali DAB in FM all'interno dell'abitacolo", spiega Andrea Lawendel sul suo Radio Passioni. "Zoe la definisce una alternativa "economica" (il costo è di 60 sterline) che ha il vantaggio della compatibilità con tutte le autoradio esistenti ma non è priva di pecche: nel video si sente distintamente come la ricezione DAB sia alquanto disturbata dalle stazioni che operano sulla stessa frequenza utilizzata dal piccolo convertitore Pure applicato al parabrezza. Zoe dà la colpa alle stazioni pirata londinesi, figuriamoci che cosa accadrebbe dalle nostre parti", chiosa RP. Che continua: "Nella stessa pagina la giornalista della BBC si interroga su che cosa potrebbe succedere tra qualche anno, se davvero la migrazione dall'FM al digitale dovesse compiersi in base ai suggerimenti del report Digital Britains. "Forse la banda FM sarà invasa dai pirati", ipotizza Zoe che pubblica anche il parere entusiastico (nei confronti del DAB) del Ceo di Absolute Radio, Clive Dickens. Secondo Dickens i consumatori "adorano il DAB" ed è possibile che lo switch off venga deciso anche prima del 2015, la data indicativa delineata da Digital Britain. A quel punto, conclude Dickens (uno dei miei romanzieri preferiti ed evidentemente il nome è tutto un programma) tutti ascolteranno solo sul DAB e nessuno avrà interesse a ripopolare la banda FM. A me sembra tutto molto fantascientifico, ma staremo a vedere".
 
08/07/2009 15:39
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Il mercato pubblicitario del Regno Unito non ha subìto contraccolpi dall’effetto Brexit. Nel terzo trimestre del 2016, cioè nel periodo post-referendum, gli investimenti nell’advertising sono cresciuti del 4,3% (rispetto ai tre mesi precedenti) e per il 2017 è previsto un aumento attorno al 3,2%.
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".