Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio digitale, USA, DAB-S: la fenice Sirius XM
"Mel Karmazin ha vinto, almeno per il momento. Ed è più o meno come se una squadra di calcio fosse riuscita a rimontare un sei a zero vincendo sette a sei con due espulsi al primo tempo e l'unica punta chiamata a sostituire due portieri infortunati".
Inizia con questo brillante parallelismo sportivo l'articolo dell'amico Andrea Lawendel che su Radio Passioni c'informa della rinascita dalle proprie ceneri della radio digitale satellitare americana. "La radio satellitare di Sirius XM è stata protagonista in questi nove mesi di un formidabile turnaround, una delle aziende più derelitte della borsa, sovraccarica di debiti e con un titolo sceso sotto i 10 centesimi di dollaro, ha registrato il miglior trimestre della sua storia e, per la prima volta, un flusso di cassa positivo", scrive Lawendel, che prosegue: "Il tasso di crescita del numero di abbonamenti torna anch'esso positivo (nuovi abbonati e rinnovi superano il numero di disdette). E come osserva Brandon Matthews di Seeking Alpha, testata online specializzata nella finanza delle startup, Sirius XM ha fatto capire una volta per tutte che la radio digitale satellitare non ha nulla a che fare con quella sfigata della radio commerciale terrestre "free to air" finanziata da spot pubblicitari che portano sempre meno soldi nelle casse delle varie Clear Channel e compagnia piangendo. Nossignori, il brutto anatroccolo che tutti davano per spacciato, la tecnologia che avrebbe dovuto essere sopraffatta da Internet e iPhone è diventato di colpo un business finanziato dalla cosa più sicura che ci possa essere in questo momento: una base di abbonati fedeli, motivati ad acquistare e in costante espansione. E può permettersi il lusso di inseguire brand di successo come Apple sul loro stesso terreno, sfruttando possibili sinergie "comportamentali" degli ascoltatori ormai abituati a decidere quali programmi e musiche consumare. Altro che iPhone come killer di Sirius XM: il supertelefonino della Apple rischia di essere il migliore alleato della radio satellitare ora che da casa Sirius XM è arrivato SkyDock, rivoluzionario "cradle" per automobile con ricevitore satellitare integrato e software gratuito che trasforma iPhone in una perfetta centrale di controllo per la ricezione di centinaia di canali. Il titolo in borsa è risalito oltre i 60 centesimi (chi a febbraio aveva investito mille dollari ora ne ha in tasca diecimila) e gli analisti, scrive Seeking Alpha, prevedono che possa presto arrivare a un dollaro, un dollaro e trenta. Con l'ottovolante delle trimestrali uno non può mai dire, ma se le tendenze attuali verranno confermate (e di mezzo ormai ci sono le festività e la voglia di fare regali), se Sirius XM è davvero riuscita nel miracolo di ribaltare una situazione disastrosa in una fase dell'economia da suicidio collettivo, si potrà affermare che qualunque "cosa" sia, è la radio digitale satellitare ad aver ucciso la radio".
Positive Cash Flow Signals New Era for Sirius XM

By Brandon Matthews

Yesterday, Sirius XM Radio (SIRI) reported its third quarter results, which can only be described as outstanding by any measure. Subscriber growth has returned, revenue has increased, costs continue to fall as any future liquidity questions have now been put to rest.
As critics attempt to spin the results, much like a sports fan would blame a referee for a favorite team’s loss, they ignore the most important facts that the company has now achieved positive free cash flow and cash flow break-even. This while beating earnings expectations by .02 per share. All of this has been achieved in just over 1 year since the merger of the two satellite radio giants, demonstrating the futility of betting against the future success of Sirius XM Radio.
Nothing worth having or doing ever comes easy. The N.Y. Yankees just won the World Series, but it took time to get there. There was doubt and fear earlier in the year. Injuries, losses and other obstacles that needed to be overcome. In the end, not a single critic nor their combined assaults were able to prevent the 2009 Yankees from realizing their destiny. Likewise, the verbal assaults that will no doubt come today from Sirius XM critics will have little in the way of fact and much in the way of misplaced negative speculation. Facts don’t lie. People Do.
We now begin a new era, as Sirius XM can no longer be justified as a radio company and compared to the likes of Clear Channel and other failing radio companies. The satellite radio provider has leapfrogged its way into a new weight class of subscription-based companies such as DirectTV and Comcast (CMCSA). Cash flow breakeven and free cash flow cannot be ignored. It cannot be denied. It means that all future growth will go directly to the bottom line, which means company shareholders will reap the rewards of victory.
As of Friday, shares of SIRI remain on sale at .62. Tuna Amobi of Standard & Poors has a 1.00 price target on the equity. Jim Goss of Barrington Research Associates has provided a target of 1.30. The current quarter looks to be the most promising quarter in the company’s history, as a new nationwide branding campaign is about to begin and retailers such as Apple (AAPL), Best Buy (BBY) and RadioShack (RSH) promote new satellite radio products. By December, everyone in America will know that Sirius XM Radio is here to stay. Demand will increase. Churn will drop. Retail will again be on the rise.
For the critics that remain, the game is about over. The clock is running out and they have no timeouts left. All they can do now is grab a face-mask and hurl insults as they cry of their misfortune. Enjoy the victory Sirius XM. You’ve earned it.

08/11/2009 18:54
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".