Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio digitale, USA: HD Radio, nuova spinta
Una campagna della durata di 13 settimane, che coinvolge 600 emittenti locali, spinge negli Stati Uniti la HD Radio: è più di un'alternativa alla radio via Internet, ma non è ancora una scommessa vinta".
Luglio potrebbe essere un mese cruciale per la tecnologia HD Radio: l'associazione HD Radio Alliance parte all'attacco del mercato statunitense - di fatto, la guida di quello europeo - con una campagna per sensibilizzare gli utenti sui benefici dell'ascolto di emittenti radiofoniche in alta qualità, senza passare per Internet. Durerà tredici settimane, e punterà dichiaratamente sugli "esploratori delle onde radio": il messaggio chiave è che "senza un dispositivo HD Radio Ready, non si può ascoltare la radio ad alta definizione". Il prossimo passo? Dire al mondo (a stelle e strisce, ma l'onda lunga non può non arrivare anche nelle nostre latitudini) che è pronta una generazione di radio HD portatili, pronta a sbarcare sugli scaffali dei rivenditori. Debutterà in autunno inoltrato, e potrebbhd radioe avere un seguito anche in Europa; ma è chiaro come la questione, per ora, non ci riguardi da vicino. Diane Warren, President of Operations di HD Radio Alliance, ha commentato: "La nuova campagna mantiene la continuità con quelle degli ultimi periodi, informando gli utenti sull'esistenza di nuove stazioni HD Radio e sull'esistenza di dispositivi predisposti, non solo dedicati all'ascolto domestico". Sul sito Web HD Radio sono presenti, solo in lingua inglese, molte informazioni sulla tecnologia e sui suoi possibili riflessi commerciali. La campagna per gli Stati Uniti coinvolge 600 stazioni radio (che hanno già affrontato gli investimenti necessari per trasmettere in HD); difficile prevederne l'impatto tanto sul mercato domestico quanto, in prospettiva, da noi. Certo, la radio via Internet è un concorrente temibile, ma - pur essendo la banda larga diffusa capillarmente - vi sono ambiti nei quali un ascolto che combina i criteri tradizionali di trasmissione e ricezione con il plus del flusso digitale è ancora imprescindibile. Un esempio è il settore auto: non è un caso che Mercedes e Microsoft paiono guardare con interesse all'HD Radio. La sensazione è che la partita sia ancora da giocare; per chi ha buona dimestichezza con la lingua inglese, a questo indirizzo è possibile consultare un elenco esaustivo dei dispositivi in grado di fare ascoltare il segnale radiofonico con qualità paragonabile al CD. (AF Digitale)
09/07/2009 04:52
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".