Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio e Tv. Aumentano gli utenti di IpTv e Mobile Tv e arriva Android. Si converge verso il web
Ennesima dimostrazione che radio e televisione stanno convergendo velocemente verso il web come piattaforma universale. Come rende noto Radio Passioni, la società di consulenza e sviluppo informatico Accenture, che pubblica da qualche tempo un report sull'industria dei media, ha dedicato l'ultima edizione ai consumi televisivi, mettendo in evidenza un incremento delle modalità di accesso alternative alla televisione tradizionale, consumata davanti al salotto. In particolare sono in crescita gli spettatori della mobile tv e della IPTV. Al momento non sono percebili le prospettive economiche dei comparti, ma i numeri sembrano confermare il gradimento da parte dei consumatori (il report, Global Broadcast Consumer Survey, può essere prelevato da questo indirizzo). La notizia fa il paio con quella dell'arrivo, entro l'estate, di Android, il nuovo cellulare basato su tecnologia Google che consentirà (come l'iPhone) di ricevere le radio presenti in Internet (in pratica tutte le emittenti esistenti anche in analogico, oltre alle web-radio) e per il quale il secondo produttore mondiale di telefonini, Samsung, ha già in previsione il lancio di un apparecchio dedicato.

Television Viewing Becomes Increasingly Fragmented as Overall Consumption Grows, Accenture Global Survey Finds

Data confirm consumers rapidly adopting multiple viewing platforms

NEW YORK; April 20, 2009 – Consumers are increasingly watching television content on multiple platforms, contributing to the fragmentation of the traditional viewing experience, according to findings from Accenture’s (NYSE: ACN) second annual Global Broadcast Consumer Survey. Although the consumption of broadcast television content continues to grow, viewers are adapting quickly to new choices that change how, when and where they watch programming.
Accenture conducted its survey of nearly 14,000 consumers across 13 countries to assess how people in different markets view and respond to broadcast content and how they are adapting to new content delivery methods and platforms.

Among the study’s most significant findings:

· Viewing of all content – including television – is growing across all platforms;

· Opportunities in new media abound in emerging markets; and

· Consumers indicate a willingness to pay favoring subscription services.

More viewing on more platforms

The most significant survey finding is that while fragmentation of the audience viewing traditional television formats is continuing, the consumption of broadcast content on all platforms, including traditional television, is clearly growing.
The results of this year’s survey indicate that television viewership has grown since last year, with an increase in viewers watching six or more television channels (40 percent of respondents this year vs. 35 percent in 2008) and watching eight or more television programs per week (39 percent this year vs. 33 percent last year). The number of respondents who said they would also enjoy viewing content on other devices increased over the last year, with 13-point increases in the number who would watch content on personal computers (74 percent in 2009 vs. 61 percent in 2008) and on mobile devices (45 percent in 2009 vs. 32 percent in 2008).
(continua)

29/04/2009 06:26
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".
Un altro anno è passato e la radio digitale terrestre in Italia (così come in molti altri paesi europei) rimane poco più di un intento. Così, mentre il broadcasting IP sta galoppando un po' ovunque, da noi si assiste alla lotta con armi spuntate per la destinazione del canale 13, considerato come l'illusoria soluzione alla ventennale empasse di una tecnologia che, dopo oltre 30 anni dalla sua presentazione, non è ancora riuscita ad affermarsi.