Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio, Francia: RMC, il tribunale spegne i 216 kHz?
(Radio Passioni) - Le autorità francesi avrebbero disposto lo spegnimento dell'impianto in onde lunghe di Romoules utilizzato da RMC per la copertura dell'intero territorio nazionale francese. Sembra che un gruppo di attivisti anti-antenne (normalmente concentrato sugli impianti per la telefonia cellulare) Robin des Toits abbia denunciato presunti rischi per la salute. RMC trasmette su 216 kHz con una potenza assegnata di 1,5 MW. Più o meno nella stessa area, sul Col de la Madone, si trova anche l'impianto sui 702 kHz utilizzato tra l'altro per ripetere i programmi italiani di Radio Cina Internazionale e i 1467 kHz utilizzati da Radio Maria.
Forse stazioni di tale potenza cominciano a essere un po' anacronistiche, a fronte del reale bacino di utenza servito da un operatore come RMC, che in Francia dispone di una capillare rete di frequenze FM. E credo che il chief financial officer del gruppo radiofonico non sia troppo affranto di questo ordine del tribunale. Anni fa si era già parlato di dismissione di questo impianto.

RMC absente des Grandes ondes
Info postée le 31-03-2009

RMC n’est plus diffusée depuis cet après midi en grandes ondes. Aucune explication officielle sur cet arret. Une rumeur, colportée par une radio, dit que suite à une plainte de l'Association Robin des Toits sur les dangers pour la santé des ondes émissent par l'émetteur de Romoules, le tribunal d'Aix en Provence à ordonner l'arrêt de l'émetteur.
A confirmer mais il est certain que ce principe de précaution appliqué à un émetteur qui tourne depuis des années est quelque peu surprenant. On espère qu’aucun des membres de ces associations ne fume ni ne conduit car il est certain que la cigarette et la voiture font plus de morts de tous les émetteurs réunis. Le principe de précaution est une bonne chose mais appliqué sans aucune preuve ni fondement scientifique n’est pas forcément censé.

01/04/2009 12:32
 
NOTIZIE CORRELATE
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.
Il rigore del metodo è ciò che conferisce alle scienze dure credibilità e affidabilità e, per questo motivo, vanta numerosi tentativi di esportazione in altre aree del sapere. Se da uno studio dipendono decisioni importanti, poi, rasserena poter contare su un metodo considerato garanzia di conoscenza (quasi) certa della realtà oggettiva. La pubblicità in radio, tuttavia, non gode di questo privilegio.
Con provvedimento DGSCERP del 01/02/2017 è stato dato avvio alla Procedura di selezione comparativa per l’assegnazione del diritto d’uso di 86 frequenze in onde medie asincrone.