Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio Radicale, cambio della direzione: esce Martini entra (forse) Falconio. Lunedì l'annuncio
Si prepara un cambio della guardia al vertice di Radio Radicale. L'attuale direttore, Paolo Martini, ha presentato le dimissioni dall'incarico che ricopriva dall'agosto del 2010.
Abruzzese, 48 anni, Martini era stato in precedenza e a lungo caporedattore di Radio Radicale, e tre anni e mezzo fa aveva preso il timone dell'emittente dopo l'uscita di Massimo Bordin. Per la successione, che dovrebbe essere annunciata lunedì, si starebbe prospettando una soluzione interna: secondo indiscrezioni, al posto di Martini, potrebbe essere nominato Alessio Falconio, 42 anni, caposervizio e corrispondente dalla Camera dei deputati, di origini abruzzesi come il direttore uscente. (ANSA)
03/02/2014 14:41
 
NOTIZIE CORRELATE
A Roma Pannella è già in onda da due anni (dal 26 febbraio 1975) e i positivi risultati lo spingono a guardare oltre la capitale. L'azzardo che ha in testa è temerario: sfidare il monopolio RAI per le trasmissioni su scala nazionale, nonostante la Corte Costituzionale appena un anno prima (con la sentenza 202/1976) ne abbia riconosciuto la legittimità.
Il CdR di GR Parlamento, la rete RAI destinata alla trasmissione dei lavori parlamentari, torna a chiedere all’Azienda una soluzione immediata per la propria testata.
C’erano una volta i Radicali. E c’era una volta Radio Radicale. Alcune delle battaglie più rivoluzionarie dell’Italia contemporanea sono passate da quest’emittente, così come alcuni degli esperimenti radiofonici più inusuali (vedi Radio parolaccia) o delle polemiche più infuocate circa il finanziamento pubblico ai mezzi d’informazione.
"Ci sorprende leggere sul "Fatto" che, mentre da una parte si sostengono i referendum sull’acqua e i beni comuni, nella tua rubrica si metta in discussione e si svilisca il servizio pubblico offerto dalla Rai con Gr Parlamento, definendolo “una sfida risultata modesta, e perdente”, e ancora una iniziativa della Rai “costosa e partitica”.
«Presenteremo uno specifico emendamento al 'milleproroghè per rendere chiara ed impegnativa l'indicazione dell'ultima manovra economica in merito al sostegno dell'editoria. Lì fu inserito il capitolo nel Fondo 'Lettà senza definire tempi e quantità».