Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio, RTL 102.5: tiene la raccolta pubblicitaria. Dati in linea con i risultati Audiradio e niente sconti sui listini che, anzi, aumentano!
In un momento in cui i più tentano disperatamente di arginare cali a due cifre nella raccolta pubblicitaria radiofonica, che nel complesso ha registrato nei primi otto mesi del 2009 una contrazione del 15,8 %, c'è una mosca bianca che vola felice tra le macerie.
E' la concessionaria pubblicitaria di RTL 102.5 Hit Radio, Openspace, che comunica dati in netta controtendenza, che fanno sperare per una chiusura d'esercizio in linea con l’anno precedente e forse anche migliore. La ricetta? La sicurezza della qualità del proprio prodotto editoriale ed un polmone finanziario che permette di non dover dipendere completamente dalle banche nei momenti di crisi economica, come quelli che caratterizzano ora il mercato mondiale. Questa la spiegazione di Lorenzo Suraci – presidente di RTL 102.5 Hit Radio – che non vede di buon occhio la riduzione dei prezzi di listino attuata dai concorrenti, che potrebbe innescare un vortice al ribasso nocivo per il mercato. Forte dei dati Audiradio appena divulgati - che assegnano 5.391.000 gli ascoltatori nel 4° bimestre 2009 alla rete milanese, collocandola al primo posto tra le emittenti private – l’ondata di ottimismo in RTL prosegue, tanto che sarebbero allo studio nuove politiche commerciali quali la revisione dei listini, rialzati del 10%, ed una presenza capillare in veste di sponsor in occasione di importanti meeting internazionali: primo fra tutti il salone nautico di Genova che aprirà le porte da domani al 10 ottobre. Per un’emittente il cui motto è “very normal people” questi risultati sono tutt’altro che normali, considerata la situazione economica attuale. (M.P. per NL)
02/10/2009 10:05
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.
Dal 2018 scompariranno gli spot pubblicitari di 30 secondi su YouTube e Google ha reso noto di “volersi concentrare sui formati che vadano bene sia per gli utenti che per i clienti”.
Nell’era del web 2.0 il superlativo assoluto del successo di una pubblicità non si costruisce con l’aggettivo “planetario”, ma con “virale”.