Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio Tv. Tower sharing: la crisi aguzza l’ingegno. Negli USA si condividono le antenne. In Italia lo facciamo da venti anni

Dopo il car sharing arriva il tower sharing. In realtà la definizione non è questa, ma va bene lo stesso.

La notizia viene dagli USA e l'ha scoperta "l'investigatore radiofonico" Andrea Lawendel (sì, proprio lui: quello di Radio Passioni, il blog più saccheggiato da questo periodico), che la spiega come un'opportunità "in un contesto che tende ormai a privilegiare le infrastrutture condivise, una modalità per cui un elemento infrastrutturale come una rete cablata o, per i sistemi wireless, un tetto o un traliccio su cui montare le antenne, viene gestito da un pool di operatori che riescono così a ottimizzare investimenti, costi di gestione e impatto ambientale". "Tecnicamente - spiega Lawendel - si parla di co-location". Come funziona? Online naturalmente: "la National Association of Broadcasters americana ha stipulato una convenzione con TowerSource, un "marketplace" via web dove i proprietari di un "bene verticale" possono mettere in affitto la loro risorsa e gli operatori affittare uno spazio per le loro antenne. In base alla convenzione NAB-TowerSourcce, le stazioni radio americane potranno usufruire di tariffe particolari per la co-location dei tralicci dove installare i loro impianti di trasmissione e i ripetitori, risparmiando notevolmente rispetto all'uso di strutture di proprietà". Un'idea, quella delle strutture condivise, che non è nuova nel nostro paese. Il primo esperimento serio (cioè con una progettazione ad hoc e non un adattamento di struttura preesistente), a quanto ci risulta, fu a Milano nel 1989, quando in Via San Galdino 5 fu eretto un gigantesco (per gli standard italiani) traliccio di 115 metri (negli USA strutture similari le mettono sul lastrico di grattacieli di 400 metri...). La postazione (foto a lato) offriva ad un numero elevato di emittenti di condividere due distinti sistemi radianti omnidirezionali (uno in vetta, con 6 dipoli in collineare), l'altro sui quattro lati del traliccio (con 4 cortine di 6 pannelli in collineare cadauna). Giganteschi filtri combinatori (multiplexer) consentivano l'esercizio di una ventina di emittenti FM distanti anche meno di 1 MHz l'una dall'altra. Analoga opportunità era offerta alle tv con due sistemi di pannelli. Il traliccio e gli impianti sono ancora lì, 20 anni dopo e l'esperimento possiamo quindi dire che ha avuto successo. Adesso si spera di replicarlo sulle torri da 200/300 metri in costruzione dentro Milano, per far piazza pulita degli altri siti metropolitani divenuti a pesante rischio elettrosmog.

24/10/2009 18:42
 
NOTIZIE CORRELATE
Una risposta allo strapotere nel towering di EI Towers e (in misura minore) di RAI Way, attraverso la quale i gestori indipendenti di torri di telecomunicazioni vogliono dimostrare che l'unione può ancora fare la forza.
Cellnex si mostra sempre più interessata ad investire nel mercato italiano che, già oggi, rappresenta una fetta significativa delle sue entrate.
Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 252 del 27/10/2016 il decreto del 05/10/2016 del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare recante l’approvazione delle “linee Guida sui valori di assorbimento del campo elettromagnetico da parte delle strutture degli edifici”.
Il futuro, anche nel towering, è nei superplayer che possono godere di economie di scala in prospettiva di un rapido mutamento dello scenario tecnologico, che esige una presenza in Italia di infrastrutture nell'ordine di qualche decina di migliaia di torri ospitanti impianti low power.