Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio-Tv-Web. Piemonte, approvata legge regionale per sostenere emittenti locali e testate telematiche
E’ uno dei successi della nostra attività di Governo: la precedente normativa risaliva al 1990 e denunciava i segni del tempo, tanto più visibili in una materia in così rapida trasformazione. Abbiamo sostituito radicalmente un impianto che risaliva a quasi vent’anni fa”.
Con queste parole il presidente della Regione Piemonte Mercedes Bresso valuta la legge che regola gli interventi per l’informazione e la comunicazione radiotelevisiva e informatica, votata il 20 ottobre dal Consiglio regionale. Sono destinatari degli interventi di sostegno le emittenti radiotelevisive locali e le testate giornalistiche edite unicamente sulla rete Internet che abbiano sede legale e operativa in Piemonte. Tali soggetti devono inoltre dimostrare di produrre e diffondere informazione e format giornalistici di carattere locale con frequenza quotidiana. “La legge - aggiunge Bresso - riveste due caratteristiche: da un lato rappresenta una normativa di sistema, diretta a favorire la nascita e lo sviluppo delle nuove forme di comunicazione e di informazione; dall’altro, punta a sostenere il sistema dell’emittenza radiotelevisiva locale nell’attuale fase, assai delicata, di transizione al digitale terrestre. Per affrontare i disagi abbiamo fatto introdurre le modifiche necessarie per finanziare la legge con due milioni di euro fra il 2010 e il 2011”. Nell’immediato, si tratta soprattutto di affrontare due problemi: la mancata ricezione del segnale Rai in alcune zone montane e le difficoltà finanziarie incontrate dalle piccole emittenti locali, che non hanno risorse sufficienti per adeguarsi al cambiamento. Sul fronte montano, la Regione spenderà circa 400mila euro per adeguare i ripetitori che non rientrano fra quelli oggetto di interventi della Rai o che ricevono finanziamenti ministeriali. Sono circa il 40% del totale, e per ognuno si prevede una spesa di circa diecimila euro. Per aiutare le emittenti locali nel sostenere gli investimenti necessari, la Regione ipotizza inoltre l'apertura di un bando da finanziare con fondi europei. Le somme messe in campo, hanno spiegato Bresso e l'assessore all’Industria Andrea Bairati, serviranno anche per facilitare il passaggio al digitale nel Piemonte orientale, previsto per l’autunno 2010. In quest’area, infatti, si prevede già il rischio che la potenza dei ripetitori Rai nazionali possa oscurare tutte le emittenze locali, inclusa Rai3.
21/10/2009 21:34
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.