Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio, USA: Boston-Los Angeles a piedi, per la radio license-free
(Radio Passioni) - C'è una stazione comunitaria nei sobborghi di Boston, a Roxbury che serve, in un raggio di poche miglia, un pubblico fatto essenzialmente di afroamericani. Una stazione che non ha "identificativo" per il semplice fatto che non ha la licenza. In compenso ha già ricevuto 17 mila dollari di multa dal regolatore, la FCC. Uno dei proprietari, Charles Clemons, dice che a Touch FM la licenza non serve perché trasmette con meno di 100 watt, che con una potenza del genere le radio come quelle dovrebbero poter continuare a svolgere il loro ruolo senza chiedere altro. La FCC non è d'accordo. Per protestare contro questa situazione e sensibilizzare la pubblica opinione sul Low Power Radio Act, una proposta di legge passata alla camera ma non al senato, anni fa, Charles ha deciso di andare a Los Angeles. A piedi. Le condizioni per l'approvazione di un regolamento che consenta a Touch FM e altre emittenti uno spazio regolarmente autorizzato ma esente da eccessiva burocrazia, ci sarebbeo anche. Dal 2007 c'è una seconda proposta, il Local Community Radio Act, proposto da un gruppo di parlamentari di entrambi i partiti americani. Forse chissà si potrebbe provare a fare lobby sostenendo che al posto della par condicio della Fairness Doctrine, il Parlamento USA potrebbe allargare la soglia d'accesso alla radiofonia, accontentando un po' tutti. Sul sito di Touch FM potete ascoltare lo streaming dei programmi, che musicalmente parlando sembrano molto curati. Del resto, Clemons si è fatto una lunga esperienza come DJ di WILD-FM, una stazione hip-hop e urban music passata al rock dopo essere stata rilevata da Entercom Communications. Prima di fare il DJ Charles è stato anche poliziotto di pattuglia, ma poi ha deciso di servire la comunità nera con una musica che, spiega, non imponga ai neri modelli troppo negativi.
 

He hopes his foot power can keep radio station on air
February 22, 2009

There are about 3,000 miles between Boston and Los Angeles, and Charles Clemons intends to walk every one of them. By his estimation, the trip will take 155 to 200 days if he travels between 20 and 25 miles a day. To fortify himself, he will start each day with a two-hour constitutional of stretching and reading from the Bible, the Torah, the Koran, and the dictionary. He has titled his long march the "Walk 4 Power."
Clemons is the owner and founder of TOUCH 106.1-FM, Roxbury's low-power unlicensed radio station. He is setting off on his quixotic quest to protest the fact that the Federal Communications Commission doesn't license stations with broadcast signals under 100 watts in crowded radio markets such as Boston's - a prohibition Clemons says puts stations owned and operated by African-Americans at a disadvantage. He hopes to bring attention to the issue with his long march, and to raise support for the Low Power Radio Act, which passed in the House, but not the Senate, in 2000.
TOUCH-FM itself has run afoul of the FCC. The station was fined $17,000 in June for broadcasting without an FCC license. TOUCH-FM hasn't paid the fine or stopped broadcasting, and the issue is ongoing. If a congressional act like the one Clemons supports were passed into law, his station could obtain a license and operate legally.
Clemons's trip is long on faith, short on details. He plans to start walking from Unity Plaza in Grove Hall at noon, March 2, and call in to TOUCH-FM to report on his progress. Beyond those details, few things have been planned. Clemons doesn't know where he'll sleep each night, or who he'll meet with. He is still searching for sponsors and logistical support. "It's hard to find sponsors for something positive," he says.

23/02/2009 10:17
 
NOTIZIE CORRELATE
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
La notizia è rilevante non solo per l'entità economica dell'operazione, ma anche per il segnale che essa manda al settore delle tlc e dei content provider radio e tv.
Nella giornata di venerdì il web è andato in tilt a causa di un attacco informatico di alcuni hacker, per ora non identificati, partito da diversi dispositivi smart infettati e diretto ai server della Dyn, una delle più grosse compagnie americane che si occupa di gestire una grossa fetta dei DNS della rete statunitense.
Gli Stati Uniti voteranno oggi una proposta mirata a fornire agli operatori tlc delle nuove frequenze per lo sviluppo delle reti di quinta generazione; in Europa, invece, sembra interminabile il circo dei botta e risposta che continua solo a far perdere tempo.
Il presidente Ferro non intende vendere, anzi fa sapere che i suoi avvocati stanno lavorando a un’offerta per comprare. Il gruppo editoriale Gannett di USA Today ha lanciato un’opa sulla news company Tribune Publishing, il cui management pare non avere intenzione di cedere.