Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio Vaticana apre alla pubblicità, è la prima volta dopo 78 anni
(Adnkronos) - A 78 anni dalla sua fondazione, la Radio Vaticana si apre al mondo della pubblicita'. Un avvenimento a suo modo storico, presentato questa mattina nella sede dell'emittente dal direttore generale, padre Federico Lombardi, e dal presidente dell'Enel, Piero Gnudi. Proprio l'Ente nazionale italiano dell'energia elettrica sara' il primo inserzionista ad investire alcune decine di migliaia di euro per spot pubblicitari in cinque lingue che saranno trasmessi, a partire dal prossimo 6 luglio, dalla Radio Vaticana. Alla presentazione dell'iniziativa erano presenti anche il segretario generale del Governatorato della Citta' del Vaticano, mons. Renato Boccardo, ed Egidio Maggioni, presidente dell'agenzia Mab.q che si occupera' della raccolta fondi. Padre Federico Lombardi ha sottolineato i cambiamenti di palinsesto e di programmazione che hanno reso possibile l'inserimento della pubblicita' anche sull'emittente del Papa: ''Il primo cambiamento piuttosto evidente e' il fatto che su Roma in Fm, sull'Italia in Dab e per tutto il mondo via Internet, vi e' adesso un canale di trasmissione della Radio Vaticana: 'One-o-five-live'. E' un canale radio che trasmette 24 ore su 24. Questa programmazione, con un pubblico anche sempre piu' stabile, e' naturalmente un ambiente in cui la pubblicita' si inserisce con piu' pertinenza, con piu' logica''.
 
 
26/05/2009 21:47
 
NOTIZIE CORRELATE
L'Osservatorio FCP-Assoradio (FCP-Federazione Concessionarie Pubblicità) ha raccolto i dati relativi al fatturato pubblicitario del mese di Gennaio 2017.
Dal 31/12 Radio Vaticana abbandonerà la storica (85 anni) denominazione per assumere il nuovo logo "Radio Televisione Vaticana", operazione che comporterà l'incorporazione del Centro Televisivo Vaticano (CTV), che continuerà a produrre servizi per il mercato internazionale.
Il direttore generale di Radio Vaticana Padre Federico Lombardi ed il direttore amministrativo Alberto Garbarri per ragioni di scadenza dei rispettivi mandati alla fine di febbraio lasceranno l'incarico.
La radio non è un mezzo malato, i suoi ascolti sono in crescita nel quarto d’ora medio: è un medium complessivamente vincente rispetto agli altri grazie alla sua accessibilità, credibilità e profondità di relazione con il cliente.
La Radio Vaticana nei giorni scorsi ha firmato un accordo di collaborazione con la radio-tv di Malta per la produzione e la ritrasmissione di programmi radiofonici.