Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
RAI: accordo tecnologico con San Marino Rtv
La Rai Radiotelevisione Italiana e la San Marino RTV hanno siglato oggi un accordo di collaborazione per l’avvio congiunto di sperimentazioni relative a nuovi servizi di comunicazione radiotelevisiva.
L’accordo prevede la sperimentazione di tecnologie innovative per la trasmissione di contenuti radiotelevisivi su protocollo Internet, di sistemi per la contribuzione in diretta su collegamenti non tradizionali, di tecnologie e standard idonei ad aumentare la qualità tecnica audio e video dei segnali e di sistemi per la digitalizzazione ed archiviazione di materiale audiovisivo. In particolare saranno utilizzati i processi della convergenza multimediale che permettono attraverso l’interattività di aumentare i servizi all’utenza. Inoltre è prevista una collaborazione sinergica nei gruppi internazionali per nuove forme di collaborazione e alleanze. Il Direttore Generale Rai, prof. Mauro Masi, ha sottolineato che l’importante patrimonio di conoscenze tecniche della Rai contribuisce al progresso tecnologico di tutto il Sistema Paese e, con questo accordo, anche a quello della Repubblica di San Marino. “È un’importante occasione per una Società multimediale quale San Marino RTV di trovare sinergie con la Rai e di presentare al suo pubblico le più moderne opportunità messe oggi a disposizione dall’innovazione tecnologica, per creare un nuovo rapporto con l’utenza e fare di San Marino RTV una tv laboratorio” ha commentato la dott.ssa Carmen Lasorella, Direttore Generale di San Marino RTV. L’ing. Luigi Rocchi, Direttore Strategie Tecnologiche Rai, ha concluso: “Quest’accordo rappresenta un’importante opportunità per la Rai per sperimentare in un territorio piccolo, ma altamente dinamico e sensibile ai temi dell’innovazione, le tecnologie che nei prossimi anni trasformeranno il mondo radiotelevisivo.”
27/10/2009 13:52
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”