Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Rai, Adrai e Usigrai lanciano l’allarme sulla radio
(Velino) - ADRAI e Usigrai esprimono in una nota congiunta forte preoccupazione per le nuove, ipotizzate, modifiche organizzative che verrebbero effettuate, ancora una volta, al di fuori di un qualsivoglia progetto complessivo di riassetto dell’Azienda. Dopo due mesi dalle nomine non sono ancora chiare le competenze, le deleghe e le procure dei vicedirettori generali. Gli interim alla rete 2 e al tg2 sono l’occasione per riflettere e magari ridisegnare il profilo editoriale del secondo canale tv, ma finora si è sentito parlare solo di candidati alle due direzioni, spesso provenienti dall’esterno. Non è quindi pensabile proporre nuovi importanti interventi nella struttura aziendale in assenza di un piano strategico definito e di missioni editoriali chiare ed assegnate. Il tema più recente è quello della presunta separazione dei tre canali e testate radiofonici con un ritorno all’antico. L’operazione ipotizzata non potrebbe che comportare, inevitabilmente, aumenti di costi, dovuti alla moltiplicazione delle strutture e delle Testate, delle redazioni tematiche del Gr, delle posizioni di line, del personale tecnico e quant’altro. Sembra essere stata imboccata la direzione esattamente opposta a ciò che richiederebbe una politica di risparmi, nonché a quanto più volte dichiarato dai vertici in ordine al numero – ritenuto eccessivo - delle Direzioni e dei primi riporti. Al contrario, vi sarebbe bisogno di accorpamenti e riduzione di strutture, e, fatto davvero singolare, sono proprio i dirigenti e i giornalisti, che ne potrebbero beneficiare, a denunciare la proliferazione ingiustificata degli incarichi. Adrai e Usigrai, dunque, auspicano che quanto è stato ipotizzato in questi ultimi giorni non venga attuato ed invitano i Vertici aziendali ad un confronto con tutte le rappresentanze dei lavoratori sui temi aperti della riorganizzazione aziendale e della trattativa con Sky, ricordando che su quest’ultima questione c’è un impegno del Direttore Generale a tenerci informati. Certo, se così non fosse, sarebbe davvero difficile far capire ai nostri Associati la continua richiesta di sacrifici e la criticità del momento. ADRAI e Usigrai ribadiscono, infine, in vista di possibili nuove nomine, l’esigenza di valorizzare in via prioritaria le professionalità interne e di assegnare a ciascuna risorsa la posizione più idonea alla propria formazione professionale.
13/07/2009 21:18
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.