Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
RAI, "Affari tuoi”. Codacons: la concessionaria pubblica ancora sconfitta davanti al CdS dove chiedeva di poter proseguire a trasmettere il programma senza adeguarsi alla legge”
Comunica l'associazione di consumatori Codacons: "Ieri la sesta sezione del Consiglio di Stato (Presidente Giuseppe Barbagallo, Relatore Paolo Buonvino) ha respinto l'ennesima richiesta di Rai ed Endemol di mettere nel nulla la nota sentenza dello stesso CdS che ha stabilito che il gioco tv "Affari tuoi' era illegale nel 2005, e deve cambiare le regole di selezione dei concorrenti, adeguandoli a criteri di trasparenza e parità di condizioni per tutti. "Il bizzarro ricorso della Rai - spiega il Presidente Codacons, Carlo Rienzi - tendeva addirittura a sospendere una sentenza definitiva del Giudice di appello, sulla base di un pretestuoso ricorso presentato dalla stessa Rai in Cassazione. Insomma - prosegue Rienzi - siamo al decimo tentativo di proseguire impunemente una trasmissione che continua ad "abbindolare' gli spettatori e su cui sono al vaglio denunce penali che ipotizzano addirittura che i concorrenti conoscano prima di iniziare il gioco il contenuto dei pacchi. In un paese civile da tempo la Rai, servizio pubblico, avrebbe interrotto la programmazione tanto più che ogni anno regala milioni di euro degli utenti ai cosiddetti concorrenti del gioco'. Il Codacons annuncia infine una diffida al Dg Mauro Masi, al Presidente Paolo Garimberti e ai componenti del CdA in relazione al gioco dei pacchi, e un nuovo esposto alla Corte dei Conti perchè sia valutato il danno all'Erario e agli utenti".
 
22/05/2009 12:10
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.