Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
RAI: bilancio 2008 con perdita di 7,1 mln e pubblicità a -47,8 mln. Bene solo il canone
Il consiglio di amministrazione della Rai ha approvato il progetto di bilancio per l’esercizio 2008. “L’esercizio 2008 del Gruppo Rai chiude con una perdita pari a 7,1 mln di euro, in linea con il consuntivo dell’esercizio precedente che peraltro non risentiva dell’impatto rilevante degli oneri correlati ai grandi eventi sportivi di Servizio Pubblico per circa 180 mln di euro”.

A sottolinearlo è una nota dell’azienda, che rileva anche come nel complesso i risultati siano “in netto miglioramento rispetto al budget iniziale”. In linea generale - spiega la nota dell’azienda - il risultato del Gruppo per l’esercizio 2008 risente della pesante flessione degli introiti pubblicitari - verificatasi a partire dall’ultimo trimestre dell’anno - in conseguenza della crisi finanziaria internazionale. Gli introiti da canone hanno viceversa registrato un incremento per l’effetto dell’aumento del canone unitario. In termini complessivi la dinamica dei costi esterni - al netto dei citati eventi sportivi - ha registrato un rilevante decremento rispetto all’esercizio precedente: circa 70 milioni di euro in meno. “I ricavi - si legge nella nota - ammontano nel complesso a 3.210,9 milioni di euro, con un decremento dello 0,7% rispetto al 2007 (2.953,5 milioni di Euro per Rai Spa pari a -0,4%). Sul fronte del fatturato pubblicitario, si evidenzia una contrazione di 47,4 milioni di euro pari al 3,8%, dovuta, come evidenziato, ai riflessi della crisi finanziaria internazionale sul mercato della pubblicità. L’aumento degli introiti da canone (31,2 milioni di euro, pari al 2%) è stato ottenuto, come sopra precisato, principalmente grazie all’incremento dell’importo unitario; i costi operativi ammontano a 2.570,7 milioni di euro, con un incremento del 6% rispetto all’esercizio 2007 dovuto agli oneri per i grandi eventi sportivi e per lo sviluppo del digitale terrestre (2.705,1 milioni di euro per Rai Spa); il Margine Operativo Lordo - indicatore che riflette in maniera sintetica la gestione ordinaria dell’Azienda - in relazione alle dinamiche sopra esposte risulta pari a 673,0 milioni di euro, la posizione finanziaria netta di Rai Spa risulta positiva per 196,8 milioni di euro, la posizione finanziaria netta di Gruppo risulta positiva per 21,1 milioni di euro. “Nonostante la crisi finanziaria internazionale e gli inevitabili riflessi negativi sul mercato televisivo e della pubblicità che hanno condizionato pesantemente anche gli introiti aziendali, i risultati conseguiti nell’anno, sia a livello di Gruppo che di Rai Spa - conclude la nota - sono dunque in netto miglioramento rispetto al budget iniziale grazie all’avvio ed allo sviluppo di nuove e più incisive azioni sia sul lato dei costi esterni sia su quello del costo del personale, di cui ha beneficiato la gestione aziendale, recuperando così ampiamente la flessione degli introiti”. (ANSA)

 
02/04/2009 20:26
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.