Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Rai, contratto servizio: Agcom si aggiorna al 28 ottobre. Il Consiglio dà mandato a relatori per approfondimenti
Il Consiglio dell'Agcom si aggiorna alla prossima riunione, prevista il 28 ottobre, per il via libera alle linee guida del contratto di servizio Rai.
A quanto si apprende, il Consiglio ha dato mandato ai relatori, Michele Lauria e Giancarlo Innocenzi, per approfondire alcune questioni tra cui la programmazione. Un aggiornamento che il Consiglio ha ritenuto necessario vista anche la complessità della materia. Le linee guida votate dall'Authority saranno valutate dal ministero per lo Sviluppo e torneranno alla stessa Agcom per il via libera definitivo. Su questa base si chiuderà poi il lavoro di Governo e azienda, quindi ci sarà il parere della Vigilanza, non vincolante. Il contratto scade il 31 dicembre e per il vice ministro Paolo Romani i tempi saranno rispettati. (Apcom)
 
14/10/2009 08:23
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”