Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
RAI: il Codacons lancia sul web un referendum sul nuovo presidente della rete di Stato
Scrive il Codacons: "Dal momento che il televoto si usa oramai per tutto, perchè non usarlo anche nella scelta del nuovo Presidente Rai?  La provocatoria proposta arriva oggi dal Codacons, che spiega: "E' bene siano gli utenti della Rai, che finanziano l'azienda attraverso il canone, a scegliere il nuovo Presidente della rete di Stato. I partiti potrebbero proporre i propri candidati, e a scegliere sarebbero i telespettatori, cioè coloro che di fatto fruiscono del servizio pubblico televisivo, attraverso un apposito televoto, strumento che oramai viene utilizzato in qualsiasi contesto. Questo - prosegue l'associazione - sarebbe un sistema veramente democratico e permetterebbe direttamente ai cittadini di scegliere chi mandare alla guida della Rai'. Intanto il Codacons sul blog del suo presidente www.carlorienzi.it lancia oggi il primo referendum sulla Presidenza Rai rivolto ai cittadini, invitando gli utenti a votare il candidato preferito alla poltrona più importante di viale Mazzini, scegliendo tra una rosa di 21 soggetti i cui nomi da tempo circolano come possibili aspiranti alla Presidenza".
12/03/2009 18:04
 
NOTIZIE CORRELATE
“Finalmente si farà chiarezza sull`utilizzo dei soldi pubblici da parte della rete di Stato: domani porteremo al procuratore generale della Corte dei Conti un corposo dossier di oltre 200 pagine, contenente tutti gli sprechi di risorse pubbliche all`interno della Rai e chiederemo di estendere l`inchiesta a 360 gradi”.
"Un'importante vittoria dei consumatori". Così il Codacons giudica la multa da 200mila euro inflitta dall'Antitrust a Rti. "La vicenda - spiega l'associazione - nasce da una nostra diffida inviata lo scorso anno a R.T.I.
"Vittorio Feltri è stato rinviato a giudizio per il reato di diffamazione". Lo ha deciso il Gup di Monza Dott. Gerosa accogliendo la richiesta del Codacons, che, spiega in una nota "subì ingiustamente un danno a seguito della pubblicazione di un articolo gravemente diffamatorio de Il Giornale".
"Per anni - scrive in un comunicato l'associazione Codacons - lo Stato Italiano ha costretto gli italiani a pagare un odioso balzello, la cosiddetta "tassa di concessione governativa', corrisposta dagli intestatari di un abbonamento di telefonia mobile nella misura di 5,16 euro mensili se privati e di 12,91 euro se business".
Il Codacons segnala, "come la folle corsa del jackpot del Superenalotto, in quest'estate di crisi economica, sia particolarmente pericolosa per le famiglie italiane".