Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
RAI, ok cda a Minzolini direttore Tg1, Mazza a RaiUno
(Reuters) - Il nuovo direttore del Tg1 è Augusto Minzolini e quello di RaiUno Mauro Mazza. Il via libera alle nomine è arrivato oggi dal Consiglio di amministrazione della Rai, come conferma l'azienda. Oltre a Minzolini alla guida del principale tg della televisione pubblica e Mazza alla direzione di RaiUno, il cda ha dato l'ok ai quattro vicedirettori generali. Si tratta di Gianfranco Comanducci (Affari immobiliari, approvvigionamenti e i servizi di funzionamento), Lorenza Lei (Area produttiva e gestionale), Giancarlo Leone (confermato nell'incarico con delega sulle attività connesse alla trasmissione verso il digitale terrestre), e Antonio Marano (coordinamento dell'offerta televisiva anche digitale e satellitare, che mantiene ad interim la direzione di Raidue). In una nota, la Rai fa sapere che alle votazioni non hanno partecipato i consiglieri del centrosinistra Rodolfo De Laurentiis, Nino Rizzo Nervo, Giorgio Van Straten. "Spiace che oggi si sia consumata una frattura nel Consiglio di Amministrazione per l'abbandono della riunione da parte di tre consiglieri. Auspico che il Cda possa rapidamente tornare compatto e per farlo servono comportamenti e proposte concrete e condivise che consentano di lavorare nel confronto e non nello scontro", ha detto in una nota, il presidente del cda Paolo Garimberti. "Quanto al dibattito di oggi in consiglio, ritengo che sul modello di organizzazione aziendale alcune critiche dei consiglieri che hanno lasciato i lavori siano condivisibili", ha aggiunto Garimberti. "Il mio voto favorevole sui quattro vicedirettori generali è dunque un voto (...) di fiducia condizionata: sulla riorganizzazione il direttore generale (Mauro) Masi deve impegnarsi a presentare in tempi brevissimi un piano coerente con questo primo passo su cui ha avuto il voto favorevole del consiglio. Per quanto riguarda invece le scelte a Raiuno e al Tg1 confermo quanto avevo più volte affermato: le ritenevo delle urgenze e ho votato coerentemente con questa convinzione e nell'esclusivo interesse aziendale", ha puntualizzato. Minzolini viene dal quotidiano La Stampa, dove è stato finora un giornalista dedicato ai "retroscena" della politica. Mazza, giornalista della Rai era dal 2002 direttore del Tg2.
20/05/2009 20:08
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.