Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
RAI, polemiche su istruttoria ministeriale Annozero, Romani: agito secondo contratto che aveva firmato Gentiloni
"Il ministero si e' mosso nell'ambito di quanto previsto nel contratto di servizio, che all'articolo 39 comma 2 dice che il Ministero 'cura la corretta attuazione del contratto di servizio'". Così si è espresso il viceministro del Ministero dello Sviluppo Economico Paolo Romani in una intervista a Radio Radicale a riguardo dell'istruttoria aperta sulla trasmissione AnnoZero di Michele Santoro. Ha  aggiunto poi, piccato, Romani: "Di tutto questo informeremo la Commissione di vigilanza e poi l'Agcom, che puo' comminare sanzioni. Sanzioni che arrivano - dice la legge - su impulso del Ministero. Ricordo che questo contratto di servizio e' stato firmato dal Ministro Gentiloni, e dunque non puo' non saperlo". Quanto all'opportunita' di aprire l'istruttoria, il viceministro ha spiegato: "Sarebbe grave se il ministero non se ne occupasse. Noi abbiamo solo attivato gli strumenti previsti dalla legge e dal contratto di servizio, e non vogliamo avere alcun pregiudizio sulle nostre conclusioni. Poi saranno gli organismi competenti a decidere se ci sono motivi per sanzionare. So solo che abbiamo delle responsabilita' di governo. Far finta che nulla sia accaduto quella sera sarebbe un po' pilatesco. Mi auguro che Santoro non diventi un martire, ma che si senta l'ultimo dei Mohicani o l'ultimo esponente dell'opposizione di fronte a un regime e' un problema suo". Infine, sulla campagna anti-canone RAI, promossa da Libero e da Il Giornale, Romani si è così espresso: "Non condivido le campagne per non pagare il canone. Credo nel servizio pubblico, proprio in questo periodo stiamo rifacendo il contratto di servizio, e credo invece che sia importante far capire agli italiani che cosa sia esattamente il servizio pubblico, e dunque far capire loro quanto sia importante che all'interno del servizio pubblico non possano esserci questo tipo di trasmissioni, che a mio avviso di servizio pubblico non sono, sono programmi di altro tipo".
28/09/2009 05:44
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.