Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
RAI, Sky e Mediaset. O la va, o si spacca tutto
Ci siamo, oggi è il 20 maggio, il giorno stabilito per la nuova riunione del CDA della RAI per la discussione delle conclusioni a cui il suo ad, Mauro Masi, è giunto sulla questione Sky. Non è stata una settimana facile per Masi, costretto a decidere sulla questione spinosa nata con l'offerta di Sky di 350 milioni per veicolare per sette anni il bouquet di RaiSat (escluso Gambero Rosso), più altri 75 milioni in tre anni per l'acquisto di titoli cinematografici da RaiCinema. Soldi importanti in momento difficile come questo. A patto, ovviamente, che l'offerta gratuita della RAI per il digitale sia tutta disponibile anche a gli abbonati di Sky. Diversi i punti di criticità sui quali porre attenzione e che sono stati evidenziati dal presidente Paolo Garimberti. Il primo è quello della neutralità tecnologica: in pratica RAI, in quanto servizio pubblico, dovrebbe essere presente su tutte le piattaforme tecnologiche al fine di garantire il proprio ruolo. A riguardo si è anche espresso il viceministro delle Comunicazioni, Paolo Romani, che ha precisato: «La RAI ha un obbligo di presenza su ogni piattaforma ma non su tutte: per quel che riguarda il satellite spetta all'azienda scegliere quale sia la più indicata». Il secondo punto è “l'assoluta certezza che Mediaset scenda esattamente nello stesso istante in cui lo fa la Rai”. Da qualunque parte la si guardi, la faccenda presenta comunque dei problemi. Questi i possibili scenari. La RAI accetta la proposta e non scende dal satellite. Conseguirebbe che il 60% degli abbonati a pagamento a Sky continuerebbe a guardare RAI e Mediaset, ottimi introiti pubblicitari per tutti; ma la concessionaria pubblica dovrebbe rinunciare ad una piattaforma satellitare gratuita propria, uscendo dalla numerazione della piattaforma News Corp. Murdoch contento, si garantirebbe RAI e Mediaset nel bouquet Sky. Scenario alternativo: RAI rifiuta l'offerta. Perdita secca in termini di ascolto del 3% (secondo le stime presentate nella riunione del CDA della scorsa settimana) ma sicuramente un recupero del 2% degli ascolti grazie al digitale terrestre. RAI potrebbe inoltre pensare alla famosa piattaforma satellitare gratuita, tutta sua. Infine RaiSat potrebbe passare al digitale terrestre con alcune modifiche, al fine di non sforare il limite del 20% stabilito dal ministro Gasparri a suo tempo sulla proprietà dei canali digitali. E Sky? L'offerta scade in questi giorni e non potrà essere prorogata a lungo. Se RAI rifiuta l'offerta, Murdoch dovrà pensare al da farsi. Sicuramente dovrà sostituire i canali della concessionaria pubblica con un investimento di circa 425 milioni di euro sui nuovi prodotti. E Mediaset? Ha promesso che se va via la Rai molla anch'essa il posto sul sat di Murdoch. La riunione del CDA RAI si sta tenendo proprio questo pomeriggio. (G.M. per NL)
20/05/2009 13:10
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
A+E television networks, emittente televisiva via cavo e satellitare statunitense, è un brand sicuramente ancor poco conosciuto in Italia.
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.