Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
RAI Way approvato bilancio 2008. Fatturato di 195,1 mln di euro; utile di 19,7 mln
L’Assemblea degli azionisti di Rai Way ha oggi approvato il bilancio della Società per l’esercizio 2008. Rai Way è la società del gruppo RAI (interamente controllata da RAI S.p.A.) che gestisce la rete degli impianti di diffusione e trasmissione televisiva e radiofonica, fortemente impegnata su entrambi i versanti nella delicata fase di transizione al digitale. Il bilancio 2008 registra un utile netto di esercizio di 19.7 milioni di Euro. Il fatturato è stato pari a 195.1 milioni, con un margine operativo lordo di 55.7 milioni e un risultato operativo di 21.5 milioni. Il fatturato proveniente da terzi (esterni al gruppo RAI) è stato di 37.7 milioni (+ 2.3% rispetto al 2007). Il risultato mette in evidenza un netto miglioramento rispetto a quello del precedente esercizio 2007 (quando il fatturato era stato di 187.3 milioni, il MOL di 49.3 milioni, il risultato operativo di 13.1 milioni, l’utile netto di 6.6 milioni di Euro). Presidente di Rai Way è Francesco De Domenico, Vicepresidente Franco Modugno, Amministratore Delegato Stefano Ciccotti, Direttore Generale Aldo Mancino.
 
23/04/2009 10:05
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Il futuro, anche nel towering, è nei superplayer che possono godere di economie di scala in prospettiva di un rapido mutamento dello scenario tecnologico, che esige una presenza in Italia di infrastrutture nell'ordine di qualche decina di migliaia di torri ospitanti impianti low power.
"A poco meno di un anno dalla quotazione in Borsa Rai Way definisce in modo organico le proprie linee di sviluppo - ha spiegato il numero uno del provider tlc del gruppo RAI, Camillo Rossotto - focalizzazione sul core business e su iniziative di efficienza operativa con conseguente espansione dei margini e della capacita' di cassa".
Il cda straordinario di Ei Towers ha sancito il definitivo accantonamento dell'offerta pubblica di acquisto e scambio (opas) lanciata a marzo su Rai Way. Secondo l’a.d. Guido Barbieri però “non è stato velleitario ed è un arrivederci, non un addio”.