Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Reply: Web+Mobile+TV. Costituita Live Reply
Reply, leader nella progettazione e nell’implementazione di soluzioni basate sui nuovi canali di comunicazione e i media digitali, ha costituito Live Reply, una nuova società dedicata ai servizi avanzati e ai contenuti digitali per il Mobile, il Web e la TV.
Live Reply risponde all'esigenza di Operatori di Telecomunicazioni e Media Company di creare servizi in grado di sfruttare la convergenza tra i media, le potenzialità insite nella nuova generazione di elettronica di consumo e le sempre più ampie possibilità di personalizzazione della "user experience" che la rete oggi offre. In particolare Live Reply è specializzata nella progettazione, realizzazione e distribuzione di servizi e contenuti su Mobile e TV, nella definizione di servizi di Community e di Entertainment per Web, Mobile e TV e nello sviluppo di applicazioni avanzate per Device mobili e Set-Top-Box. All'interno di Live Reply vi sono competenze consolidate sull'intera value chain dei contenuti digitali in grado di fornire un supporto end-to-end agli operatori specializzati (telco, media, mvno, service provider): dall'ideazione, design e realizzazione di servizi innovativi, al loro testing su device e network differenti, alla aggregazione e gestione di content provider. La costituzione di Live Reply si inserisce nella strategia di sviluppo di Reply nel Telco&Media - uno dei principali mercati del Gruppo - dove è presente su tutti i più importanti operatori, tra cui Mediaset, RCS, Seat Pagine Gialle, Telecom Italia e Vodafone. "La convergenza tra fisso e mobile, abbinata alla sempre maggiore diffusione di device in rete e alla crescita di contenuti multimediali - ha dichiarato Tatiana Rizzante, Amministratore Delegato di Reply - sta portando ad una contaminazione ancora più radicale tra mondi tra loro eterogenei quali il Mobile, il Web, la TV e l'Advertising". "Stiamo assistendo - continua Tatiana Rizzante - ad un cambio nei costumi da parte degli utenti che non si accontentano più di vedere il proprio mondo digitale confinato all'interno di uno schermo di un PC, ma sempre più si attendono di poter accedere ai loro servizi e contenuti in ogni contesto, indipendentemente dal device che utilizzano". "Il nostro obiettivo - termina Tatiana Rizzante - è di affiancare le aziende nel rispondere, a questa nuova generazione di utenti, con servizi che non abbiano limiti in termini di accessibilità, ma che siano fruibili in un mondo tecnologico più ampio e sempre connesso. Per questo abbiamo costituito Live Reply, un centro di eccellenza che ha il completo dominio delle tecnologie necessarie, dei processi sottostanti, dei contenuti digitali e della loro trasformazione sui diversi canali e device".
 
26/05/2009 17:06
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
Tra i molti temi trattati nel “Libro bianco sul futuro dell’Europa”, vi è quello dell'innovazione tecnologica e del paradigma digitale nella vita quotidiana dei cittadini dell’Unione.
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.