Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Rimozione giornalista Tg3 per battuta sul Papa. ADUC: "Questa e' la Rai, questa e' l'Italia. Cosi' e' amministrata la nostra libertà"
Ci scrive l'associazione di consumatori ADUC: "La decisione di rimuovere il giornalista vaticanista del Tg3, Roberto Balducci, e' sintomatica di alcuni aspetti: della Rai, del giornalismo, della liberta' di informazione, della liberta' professionale, dei rapporti del nostro Stato col Vaticano. Noi non sappiamo, e non ci interessa, se il giornalista con il suo "ci sono quattro gatti a seguire il papa" intendesse fare una battuta, usare un intercedere linguistico diffuso, esprimere una propria opinione. Vediamo il perche' della sintomaticita': - della Rai. In quante trasmissioni Rai si sente parlare in modo "colorito", e financo denigratorio, di questo o quell'altro capo di Stato straniero... forse qualcuno di questi giornalisti e' stato rimosso? - del giornalismo. Perche' una cronaca non dovrebbe esser tale o forse sono migliori le foto e le immagini taroccate per far apparire cio' che non e'? - della liberta' di informazione. E' libero un Paese dove nell'informazione, anche di Stato come nel caso della Rai, esiste sostanzialmente il diritto di critica in astratto, ma in pratica ci sono gli intoccabili, come gli inquilini di Oltretevere? - della liberta' professionale. Le corporazioni professionali che abitualmente difendono i propri iscritti per l'esercizio di quelle che vengono definite professioni liberali, come l'ordine dei giornalisti nello specifico, dove sono in questo caso, perche' non leggiamo alcuna reazione? E i sindacati di altrettanto settore? - dei rapporti del nostro Stato col Vaticano. Crediamo sia il punto cruciale di tutta la questione. In gergo si dice che qualcuno e' "piu' realista del re" (piu' papista del papa potremmo dire per l'occasione)... ed e' quello che accade. Il Vaticano non e' scevro di richieste esplicite per impedire che in Italia succeda qualcosa contraria alla propria politica religiosa, ma nello specifico -per quanto sappiamo- ci pare che il papismo del gergo abbia avuto la sua parte preponderante. Questa e' la Rai, questa e' l'Italia. Cosi' e' amministrata la nostra liberta'. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)"
16/07/2009 06:24
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.