Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Ritorni alle origini: Cicerone su Facebook?
Civis romanus sum et latine loquor! L’orgogliosa frase, che segnalava l’appartenenza alla cittadinanza romana in nome della lingua adoperata, avrà la sua presenza ora anche su Facebook?
Eh sì, perché da qualche giorno sul social network più famoso è entrata anche la lingua latina. La notizia ha fatto il giro del mondo, a quanto pare. Sta di fatto che ora puoi scegliere il tuo profilo anche in latino. E poco importa se al liceo ti beccavi dei due o dei tre nella lingua di Cicerone: qui è già tutto predisposto, senza rischiare di cadere in errori. La Home come si chiamerà: Domus, ovviamente; e quella info sempre un po’ indiscreta? Indicia e come se no? E così le foto diventano imagines, la città di nascita diventa Urbs Patriae. Divertente scoprire che il numero di cellulare è diventato mobilis numerus e che la mail si chiami inscriptio electronica. Il successo di curiosità che sta ottenendo questa nuova versione è certamente più vistoso di quello che possono ottenere altre versioni in lingue “desuete”. Conterà il ricordo della giovinezza (per chi è più avanti negli anni) o una sorta di presa in giro da parte di chi il latino lo sta affrontando ancora ora sui banchi di scuola? Sta di fatto che l’AESPI (Associazione Europea Scuola e Professionalità Insegnanti) ha visto in questa novità almeno un po’ ascoltati i suoi appelli per la salvaguardia della lingua latina e in un suo comunicato dichiara che non può che “accogliere con entusiasmo la notizia”. Nel passato ci sono stati già prodotti editoriali per giovani, come fumetti, scritti in lingua latina, con la traduzione in lingua classica di termini contemporanei, ma certamente il mezzo elettronico potrà riscuotere un successo più ampio. E magari in casa fra non molto sentiremo un optime dicis invece di hai ragione o un quid agimus in luogo di un più prosaico che facciamo? (Antonio F. Vinci per NL)
 
 
10/10/2009 17:23
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
Tra i molti temi trattati nel “Libro bianco sul futuro dell’Europa”, vi è quello dell'innovazione tecnologica e del paradigma digitale nella vita quotidiana dei cittadini dell’Unione.
Non è un segreto che Facebook sia di gran lunga il social network più diffuso al mondo, con un’utenza che si aggira intorno ai 2 miliardi e nessun concorrente effettivamente in grado di scalfirne le dimensioni; è proprio per questo motivo che le altre piattaforme hanno finora puntato sul fornire servizi alternativi e Facebook ha puntualmente fatto di tutto per inglobarle, mostrando un atteggiamento che sembra nascondere l’intenzione di restare l’unico sulla piazza.
Facebook punta al mercato musicale per migliorare la sua rendita, e conta di farlo continuando a sfidare Google e la sua colossale piattaforma video, il contenuto online che crea maggior engagement in assoluto.